Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Il teatro di luglio


Tre appuntamenti con il palcoscenico

di Valentina Lonati

Tre appuntamenti con il teatro da vedere assolutamente nel mese di luglio, per immergersi nelle atmosfere di alcuni dei centri storici più belli d'Italia, trasformati per qualche giorno nel palcoscenico di perfomance, danza e musica.

Sansepolcro (AR). Kilowatt Festival. Fino al 22 luglio
Dare spazio alla scena teatrale emergente e ripensare il ruolo del pubblico, con progetti che stimolano la partecipazione attiva dello spettatore: è questo il progetto di Kilowatt Festival. E questa 15esima edizione non manca di certo l'obiettivo, con 54 spettacoli di teatro d'innovazione, danza e circo contemporaneo di cui 18 fra prime assolute e anteprime nazionali. Moltissimi poi gli eventi collaterali, i concerti e i progetti speciali in programma. Ne è esempio Miniature Campianesi di Ermanna Montanari: 5 minuti di poesia al giorno diffusa nella piazza centrale di Sansepolcro. Oppure, The Invisible City di Daniele Bartolini, serie teatrale interattiva per 5 spettatori alla volta. O ancora, il progetto di Simone Faloppa e David Batignani Costruire è facile?, che invita venti cittadini a diventare assistenti di un atto scenico costruttivo a partire da uno spazio vuoto. Ed è proprio la partecipazione attiva degli spettatori ad essere fulcro e leitmotiv del festival: prosegue infatti il progetto Visionari, che durante l'inverno ha chiesto a 31 cittadini di Sansepolcro di selezionare 9 spettacoli da inserire nella programmazione del festival. E poi, nell'ambito del progetto europeo Be SpectACTive! dedicato alla partecipazione degli spettatori, verranno presentati gli spettacoli Food for Thoughts degli inglesi Displace Yourself Theatre e The Olympic Games di Chiara Bersani e Marco D’Agostin. Infine la danza, con la prima assoluta della giovane artista emergente italo-giapponese Masako Matsushita, e il circo contemporaneo, con la performance del più grande clown del mondo, lo spagnolo Leo Bassi.

Trento. Drodesera. Dal 21 al 29 luglio
Un festival teatrale ma anche un laboratorio di ricerca, che stimola la riflessione sulle interconnessioni tra le trasformazioni del nostro continente – da qui il tema di questa 37esima edizione, SUPERCONTINENT – e le nuove pratiche artistiche, sempre più caratterizzate da contaminazioni e commistioni creative. Ne nasce Drodesera, festival organizzato da Centrale Fies: un appuntamento sfaccettato e multiforme che abbraccia l'arte contemporanea – con la mostra fotografica 41 del coreografo e performer Alessandro Sciarroni – la musica, con il concerto dell'artista transgender Mikky Blanco, e la performance art, con il LIVE WORKS Performance Act Award e numerose prime nazionali. Allo studio del rapporto attuale tra arte, politica e realtà (Michikazu Matsune con Dance, if you want to enter my country! e lo spettacolo di Rima Najdi Think much. Cry much), verranno affiancati alcuni studi sulle tecnologie e la percezione del futuro, come lo spettacolo Project Mercury della compagnia OHT, ispirato dalla ricerca scientifica di Richard Sennett, e la coreografia di Eric Minh Cuong Castaing/Shonen School of moon, scritta per bambini e robot.

Venezia. La Biennale di Venezia. 45. Festival Internazionale di Teatro. Dal 25 luglio al 12 agosto
Il neo-direttore artistico Antonio Latella, vincitore del Premio Ubu 2016, firma una Biennale Teatro tutta al femminile, dedicata alla carriera di 9 registe internazionali. A loro verranno dedicate alcune mini-personali composte da 2 a 4 spettacoli quasi tutti in prima italiana, che ne tracceranno la crescita e il percorso artistico. A inaugurare il programma è la polacca Maja Kleczewska con The Rage, tratto dall’omonimo testo teatrale di Elfriede Jelinek. Da non perdere poi i quattro spettacoli dedicati all'artista francese multidisciplinare Nathalie Béasse - Le bruit des arbres qui tombent, Tout semblait immobile, Roses, Happy Child - che si interroga sui confini tra il teatro e la danza. A rappresentare l'Italia, oltre a Maria Grazia Cipriani, è una giovane regista emergente: Livia Ferracchiati, che presenterà i suoi spettacoli in equilibrio tra indagine sociale e analisi introspettiva, come
Todi is a small town in the center of Italy - studio sulla provincia italiana - e Peter Pan guarda sotto le gonne. Accompagnerà la kermesse l'installazione della scenografa Katrin Brack, vincitrice del Leone d'Oro alla Carriera.