Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Sguardi in soggettiva sulla moda nelle foto di Benassi e Balsamini


“Lei non sa chi sono io” è la mostra che va in scena alla Leica Galerie di Milano

di Micol De Pas

Per la precisione, il titolo completo dell'esposizione è Lei non sa chi sono io! Il favoloso mondo della moda visto da Jacopo Benassi e Mattia Balsamini. Curatore: Toni Thorimbert. Che da Amelie e il suo favoloso mondo ci catapulta in quello narrato dagli scatti ironici quanto iconici di due fotografi decisamente diversi tra loro, ma molto vicini nell'esprimere il proprio punto di vista.

Accostare i loro lavori risulta quasi un ossimoro: il bianco e nero spietato, dal gusto punk, di Benassi, che racconta l'elite internazionale ammessa al parterre delle sfilate mainstream, dialoga (anzi, forse urla) con il colore algido e minimalista di Mattia Balsamini che racconta le nuove leve del fashion design.

Un contrasto interessante, che parla anche di facce distinte della moda, quelle di chi la giudica, la compra, la usa e quelle di chi invece la sogna, la disegna e la crea. Benassi e Balsamini fotografano un momento di transizione importante per il mondo della moda: le grandi maison devono ridisegnare  strategie di vendita e di comunicazione; gli stilisti emergenti sono impegnati a inventare nuovi codici estetici e nuove regole di partecipazione al sistema industriale della moda.

Ecco perché Toni Thorimbert ha scelto Benassi e Balsamini, tra le loro varie collaborazioni anche firme di Icon:

Di Jacopo mi piace tutto.
Lo guardo mentre scatta: la Leica nelle sue mani sembra un niente, una macchinetta, come tutti i cavalli sembravano dei pony sotto al culo di John Wayne.
Nelle sue foto la faccia delle persone racconta una storia, e non per forza la loro. Si vede tutto quello che è successo: il destino, la vita, le ferite, le cicatrici. Come in uno specchio.
Di Balsamini mi piace tutto.
Per dire: fotografa un palo della luce, per strada, e quello, zac, diventa importantissimo, come fosse l’unico palo al mondo.
Balsamini illumina tutto, senza ombre. Credetemi, ci vuole coraggio.

Così li ha mandati a immortalare la moda mainstream (con l'occhio di jacopopunk, come lo ha chiamato lui) e i "ragazzi fighi che fanno cose fighe, come lui" (con lo sguardo di mattiacool, sempre nelle parole di Thorimbert).

-------------

Lei non sa chi sono io! Il favoloso mondo della moda visto da Jacopo Benassi e Mattia Balsamini.
A cura di Toni Thorimbert
Leica Galerie, Piazza Duomo, Milano, dal 21 febbraio