Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Settembre in festival


Tre rassegne di fine estate per scoprire nuove prospettive sul mondo

di Valentina Lonati

Osservare la realtà attraverso gli occhi di filosofi, scrittori, scienziati ed economisti. A renderlo possibile sono tre appuntamenti che rifletteranno sull'attualità - sociale, filosofica, scientifica o artistica - offrendo dibattiti, conferenze ma anche mostre, spettacoli e concerti. Per cambiare prospettiva e abbracciare nuove visioni, anche solo per qualche ora.

Sarzana. Festival della Mente
Una tre giorni di incontri (41 in tutto), approfondimenti e spettacoli dedicati alle molteplici espressioni della creatività: quest'anno, la XIV edizione del Festival della Mente di Sarzana ruota attorno al concetto di “rete”. A esplorarne i vari aspetti saranno scienziati, filosofi, giornalisti, reporter, designer, antropologi, psicologi e scrittori: si parlerà delle reti “buone” che connettono gli scienziati in tutto il mondo per combattere malattie rare, ci si interrogherà sul futuro della rete per eccellenza, il web, e si discuterà sulle reti che a volte ingabbiano pensieri e parole, quelle che comunemente chiamiamo relazioni umane. E ancora, si rifletterà sui nodi politici del Medio Oriente e si guarderà in alto pensando alle reti che formano la galassia. Tra i 65 relatori internazionali interverranno la scienziata Elena Cattaneo, lo scrittore e reporter di guerra Eliot Ackerman, lo storico inglese Peter Frankopan e la designer Patricia Urquiola. Intenso il programma di spettacoli e anteprime: da non perdere la prima mondiale del concerto per pianoforte e violino del compositore e pianista inglese Michael Nyman e della violinista italo-rumena Anna Tifu, ma anche il duetto "Tandem" del trombettista Fabrizio Bosso e del pianista Julian Oliver Mazzariello, e lo spettacolo dello scrittore Marco Albino Ferrari “L'incanto. Dalla val Grande ai ghiacci polari”, ispirato alla vita dell'esploratore piemontese Giacomo Bove. Infine, moltissime le iniziative per bambini e ragazzi con laboratori e lezioni interattive, un vero festival nel festival.

Sarzana, dal 1 al 3 settembre 2017

Camogli, Festival della Comunicazione
La realtà che viviamo è un intreccio di forze, fenomeni e accadimenti sempre più difficili da interpretare. Come orientarsi, dunque, nel mare della quotidianità? A chiederselo – e a chiederlo a 130 ospiti tra cui scrittori, scienziati, artisti, filosofi ed economisti - è il Festival della Comunicazione di Camogli. Tema di questa IV edizione saranno proprio le connessioni che animano il presente. Durante i quattro giorni del festival si alterneranno conferenze, laboratori, spettacoli, mostre e proiezioni – tutte gratuite – che affronteranno il tema delle connessioni negli ambiti più diversi, dalla politica (con una lectio magistralis di Pietro Grasso) fino a alla tecnologia, l'economia, la comunicazione, la moda e lo spettacolo. Ad offrire il proprio punto di vista saranno personalità come Piero Angela (a cui verrà conferito il Premio Comunicazione 2017), Gad Lerner, Beppe Severgnini, Brunello Cucinelli e Walter Veltroni. Ogni giornata si aprirà con il rito della colazione insieme alla scrittrice Alessia Gazzola e a Massimo Gramellini con la sua “tazzina di parole”. Infine, sei gli spettacoli in programma (tre dei quali al Teatro Sociale, riaperto dopo 40 anni) e un programma di attività collaterali per bambini e ragazzi ma anche per gli amanti del mare, con escursioni in barca, e dell'arte (con le mostre “Fotografando il Festival” di Roberto Cotroneo e “Omaggio al mare” di Carlo Rognoni e Alberto Perini Sea).

Camogli, dal 7 al 10 settembre 2017

Modena, Carpi, Sassuolo. Festival della Filosofia
L'arte secondo i filosofi: torna il Festival della Filosofia, oggi giunto alla diciottesima edizione. Per tre giorni, i cortili e le piazzette di Modena, Carpi e Sassuolo daranno il benvenuto a 50 lezioni magistrali tenute da esperti internazionali: dai celebri antropologi James Clifford e Daniel Miller fino allo scrittore e direttore del Design Museum di Londra Deyan Sudijc e alla filosofa e sociologa tedesca Rahel Jaeggi. Tra gli italiani saranno presenti Umberto Galimberti e Massimo Cacciari. Tra incontri e momenti di riflessione, si analizzerà il rapporto tra le arti e le tecniche attraverso lo sguardo di antropologia e filosofia. Affiancheranno le conferenze alcuni approfondimenti sui testi classici del pensiero filosofico occidentale, da Platone ad Adorno, e un ricchissimo calendario di spettacoli, concerti, mostre (da non perdere la collettiva fotografica Master of Photografy e la retrospettiva L’architettura della vita dedicata al progettista Cesare Leonardi) proiezioni, aperitivi filosofici e progetti speciali come quello dello street artist Eron. Sarà lui a realizzare proprio durante i giorni del festival un'opera di wall-painting sulla facciata di Palazzo Santa Chiara in occasione dei 2200 anni dalla fondazione della città romana di Mutina.

Modena, Carpi, Sassuolo, dal 15 al 17 settembre.