Questo sito contribuisce alla audience di panorama

René Burri e Ferdinando Scianna. Doppia mostra a Venezia


Il punto di vista di due fotografi Magnum alla Casa dei Tre Oci

di Micol De Pas

Fotografare per esprimere la propria personale visione del mondo. Questo il filo rosso che unisce i lavori di due fotografi molto distanti tra loro, René Burri e Ferdinando Scianna. Attento a documentare i grandi cambiamenti sociali e politici il primo, desideroso di cogliere "istanti di senso e forma" il secondo, lavorano entrambi però all'idea di usare il mezzo fotografico per esprimere se stessi. Due mostre indipendenti si inaugurano il 25 agosto a Venezia, alla Casa dei tre Oci, per raccontare i loro lavori. Due percorsi espositivi distinti che però geograficamente confluiscono l'uno nell'altro, come in un ragionamento sul significato della fotografia.

- Ferdinando Scianna. Il ghetto di Venezia 500 anni dopo. Si tratta di un lavoro commissionato dalla Fondazione di Venezia e realizzato appositamente per i Tre Oci in occasione del 500nario del ghetto ebraico. L'obiettivo era quello di raccontare la dimensione contemporanea del ghetto e Scianna ha realizzato un reportage sulla vita quotidiana: architetture, ritratti, interni, luoghi di preghiera, chiese, ristoranti, gondole e campi. La dimensione simbolica, storica e rituale è continuamente raccolta e rimandata in ogni immagine, in un dialogo serrato con la semplicità di un tempo presente e ordinario. A cura di Denis Curti, catalogo Marsilio.

- René Burri. Utopia. Per la prima volta sono state riunite oltre cento immagini del fotografo svizzero dedicate all'architettura. L'obiettivo è puntato sul racconto di grandi cambiamenti storici, politici e culturali del Novecento. Perché l'architettura, per Burri, è un'operazione politica e sociale che veicola e impone una propria visione del mondo. Le forme degli edifici, in altre parole, raccontano la prospettiva politica nella quale sono stati progettati, così come l'assetto economico e sociale dello stato o della città che li accoglie. Così si instaura un dialogo con la Biennale di Architettura in corso a Venezia.

-------------

Ferdinando Scianna e René Burri

Casa dei Tre Oci, Venezia, dal 26 agosto all'8 gennaio 2017