Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Peter Greenaway, l’artigiano del cinema


Il regista inglese alla manifestazione “Scolpire il tempo” di Pietrasanta per “Dipingere con il cinema”
Colonna sonora consigliata per la lettura: Michael Nyman, “Wheelbarrow Walk”

di Micol De Pas

Dipingere è un'abitudine spaziale. Perché abitua l'occhio a tradurre le proprie visioni in uno spazio limitato e, viceversa, a organizzare la tela in modo da contenere il proprio racconto. Un doppio sogno. Se poi a questo si aggiunge l'uso della cinepresa, il risultato di chiama Peter Greenaway.Il regista inglese che si è reso noto a cinefili con  I misteri del giardino di Compton House, infatti, nasce pittore. Le scene di quel film richiamano l'arte rinascimentale italiana, quelle del Il cuoco, il ladro, sua moglie e l'amante parlano del barocco e Il ventre dell'architetto ha il sapore de La grande bellezza.

Ma soprattutto, è un regista artigiano che ama intervenire direttamente in ogni parte dei suoi film come in una bottega rinascimentale. Per questa ragione sarà ospite della rassegna Scolpire il tempo - Mindcraft,  curata da Alessandro Romanini del Centro Artivisive al Museo virtuale della scultura e dell'architettura di Pietrasanta (In Toscana). Che lo vedrà protagonista dei suoi film e dei suoi video, ma anche in qualità di scrittore, curatore di mostre, documentarista, musicofilo e progettista d realizzatore di grandi installazioni multimediali, a cominciare dalla più recente The Towers/Lucca Hubrys, prodotta lo scorso anno della città toscana. Tre i temi sotto i riflettori della rassegna.

Cinema e video. Pioniere della sperimentazione, ha trasformato le produzioni Tv in opere artistiche, a cominciare dal suo Dante's Inferno prodotto per la BBC con l'artista Tom Phillips nel 1989 (e in calendario a Pietrasanta per il 29 giugno). Ma nell'audiovisivo ha saputo introdurre l'arte pittorica che, per ammissione dello stesso Greenaway, ha condizionato tutta la sua carriera. Ne è un must Prospero's Book, vero e proprio tributo all'arte rinascimentale italiana.

Architetttura, musica e danza. Spesso le tre discipline si compenetrano e viaggiano a braccetto, specialmente nel lavoro musicale con il compositore Michael Nyman. Ma Greenaway ha anche focalizzato i singoli argomenti, dedicano ad ognuno specifici film, da Il ventre dell'architetto, ambientato a Roma, M is for Man, Music, Mozart, ovvero il suo manifesto musicale e Rosa, realizzato sulle coreografie di Anna Teresa De Keersmaeker.

Scienza e Teconologia. Darwin è il titolo per eccellenza, ma l'uso della tecnologia da parte del regista britannico è pervasivo: ha utilizzato le innovazioni digitali per intervenire su ogni componente visivo esattamente come un pittore interviene sulla tela.

------------------------

Peter Greenaway - Dipingere con il Cinema

28 e 29 giugno, Scolpire il tempo - Mindcraft, al MuSA di Pietrasanta