Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Passione verticale: al via il festival dedicato alla montagna


Incentrata sulla leggenda dell’alpinismo Pierre Mazeaud, la seconda edizione del festival inaugura oggi a Courmayeur

di Giuliana Matarrese

Pierre Mazeaud ma non solo: a Courmayeur da oggi, il programma di Passione Verticale, la rassegna estiva dedicata alla montagna è fitto di eventi e nomi.

La montagna, quella vissuta dagli alpinisti. Tra rocce, ghiacci e pareti verticali. Di lei si parla al festival Passione Verticale di Courmayeur, giunto alla sua seconda edizione. Pronta a coccolare i sogni degli appassionati in un fitto programma di appuntamenti alpini. Per tutti i igusti.

Con gli sci. Ad aprire il festival saranno le due guide alpine Edmond Joyeusaz e Federico Colli, impegnati a raccontare il tentativo della prima discesa in sci dalle pendici del Lhotse, la quarta montagna più alta del mondo, in Himalaya.

Con l'imbrago. I "vagabondi della verticale" Arnaud Petit e Stéphanie Bodet, specialisti di arrampicata in coppia saranno gli ospiti del 9 Agosto, ma sono le donne a portare alta la bandiera del tricolore, con  la presenza di Anna Torretta, vice-campionessa del mondo di arrampicata su ghiaccio (il 17 Agosto).

Imprese memorabili. Alla sua seconda edizione, l'evento valdostano vuole raccontare la figura di Pierre Mazeaud, il francese grande amico di Walter Bonatti che insieme a lui e Roberto Gallieni riuscì a tornare a valle, unici sopravvissuti di due cordate, dopo il drammatico tentativo di arrampicata del pilone centrale del Freney, sul massiccio del Monte Bianco, nel 1961. 

Magistrato e importante figura anche nel mondo della politica d'oltralpe, Mazeaud non sarà presente alla serata a lui dedicata, il 2 Agosto, ma a raccontare del primo alpinista francese che scalò l'Everest nel 1978 ci sarà lo scrittore Marco Albino Ferrari e il regista Gilles Chappaz, autore di un documentario a lui dedicato.

Al cinema. In calendario anche una rassegna di film sul tema, in collaborazione con il Cervino CineMountain Festival: tra i titoli proposti Il neige à Marrakech di Hicham Allayat, 180° South di Chris Malloy e Verso Dove di Luca Bich, dedicato a Kurt Diemberger, uno tra i pochi alpinisti ad aver scalato per due volte gli ottomila metri, oggi divenuto documentarista d'alta quota.

Passione Verticale, Courmayeur, dal 31 Luglio al 26 Agosto