Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Orticola festeggia il ventesimo compleanno fiorito ai Giardini Montanelli


Il settecentesco Palazzo Dugnani riapre per l’occasione dopo un lungo restauro e diventa habitat esotico

di Luca Bergamin

Orticola, l’evento floreale più chic d’Italia, festeggia il suo ventesimo compleanno e il 150 anniversario dell’associazione che porta il suo stesso nome, ai Giardini Indro Montanelli di Milano. Appuntamento attesissimo dagli amanti dei fiori, nonché vetrina del design botanico, ha nella rosa la sua grande protagonista, in particolare della sezione  “Orticola per la rosa italiana”, una selezione di fiori ottenuti da premiati vivaisti quali Davide della Libera e Marc Alberici,  Barni e Cazzaniga. Vi si tengono anche corsi dedicati a questo romantico fiore condotti da esperti del Roseto di Monza.

Tra le novità più attese, c’è la rosa “Francesca Marzotto Caotorta”, realizzata dal Roseto Barni, a cespuglio, forte e rifiorente, dall’originale colore arancio brillante. La sua rivale in bellezza è la Clematis XX Orticola di Lombardia che sboccia con fiori doppi in tinta malva, ha un folto fogliame e raggiunge i 3 metri di altezza.

Lungo i viali dei Giardini Montanelli si ammira, si annusa e si imparano gli abbinamenti dei fiori un po’ come si fa per i vestiti, apprendendo che i gerani stanno bene con i garofani e persino coi cavoli. Una capatina tra i 9 micro-giardini consente di capire quale possa essere la soluzione migliore per abbellire il proprio spazio verde, grande o piccolo che esso sia.

Palazzo Dugnani, gioiello barocco del ‘700, che riapre proprio per questa lieta occasione dopo un lungo restauro, ospita la sezione del design botanico, prestandosi volentieri a diventare un habitat quasi esotico: palme giganti tra le  colonne,  “palloni” di spargina piumosa che pendono dalle volte renderanno magico l’ allestimento  curato dall’architetto Marco Bay, con le piante del vivaio di Enrico e Giorgio Cappellini.

In piazza Cavour, invece, ci sarà un frutteto con gli alberi del Vivaio dei Molini, mentre in via Palestro è ospitato un progetto di Anna Scaravella realizzato grazie al Vivaio Fratelli Ingegnoli, con piante del vivaio Centro Bambù Italia di Federico Eberts.  E poi ancora “Portale Blu”, l’installazione artistico-ambientale, sospesa sulla fontana, realizzata da  Lucio Micheletti.  Tante, dunque, le sorprese in quello che sarà il week end più fiorito di Milano.  

Orticola, Milano

dall'8 al 10 maggio