Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Il Museo Forma riapre in via Meravigli con Il Racconto Onesto


La nuova Project Room for Photography si propone come collettore di eventi legati a fotografia e scrittura

di Luca Bergamin

Riapre Lo Spazio Forma a Milano. Dai Navigli si è spostato in Meravigli, esattamente al civico 5. Qui  si propone, insieme all’agenzia Contrasto, a essere una “limpida” Project room per la Fotografia. E anche per la scrittura visto che vengono organizzati incontri con autori e fotografi aperti al pubblico. Del resto le immagini e i libri sono entrambi documenti di quello che sentiamo, viviamo, proviamo. Come un reportage del nostro presente è al centro della prima esposizione del nuovo Forma intitolata appunto “Il racconto onesto”.

Con questo collage di immagini tratte principalmente dal nostro paese - ma c’è anche quel mare che fa da ponte tra noi e chi qui vuole arrivare a ogni costo, vita compresa -, Forma Meravigli fa una dichiarazione di intenti precisa: proporsi quale specchio delle pulsioni contemporanee, per compiere la propria parte di testimone senza reticenze. E così ecco Giulio Piscitelli che raggiunge un'imbarcazione in cui sono stipati più di 120 migranti  diretta verso Lampedusa, sballottata dalle onde.

 Il viaggio e soprattutto la sete di narrazione conducono Alessandro Toscano in Sardegna, precisamente a San Vito, in provincia di Cagliari, dove ci fa sedere come i bambini davanti a un teatro sul campetto di pallacanestro del paese: siamo tutti incantati, i piccoli e noi grandi. E poi, lo stesso fotografo, sempre in questo luogo che ha qualcosa di arcaico, ci mostra un uomo accanto al proprio cavallo.

Tommaso Ausili dimostra come sia importante, al di là degli esiti dei processi, non dimenticare, e così ci apre la porta di un dramma mai finito, facendoci entrare all’interno della casa di Italo Ferrero, ex operaio Eternit e di sua moglie Paola Parodi. Le fotografie sulla mensola ritraggono il padre e la madre, operai, entrambi morti di cancro a  Casale Monferrato. Intenerisce anche il racconto per immagini di Emiliano Mancuso.

Preziosi sono i contributi letterari alla mostra, tra i quali vi sono brani di Roberto Saviano, Silvia Avallone, Aldo Nove, Elena Ferrante, Antonio Scurati, Walter Siti.

-----------------

Forma Meravigli, Milano

Il Racconto Onesto sino al 7 giugno