Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Le icone del rock in mostra


A Bologna, Napoli e Torino tre mostre dedicate ai grandi del rock

di Valentina Lonati

“Rock and roll will never die/There's more to the picture/Than meets the eye” - cantava Neil Young in Hey Hey, My My. Correva l'anno 1979, Elvis Presley era morto da due anni e i Led Zeppelin erano a un passo dallo scioglimento. La carica del rock stava perdendo forza, mentre nuovi generi si affacciavano all'orizzonte – il punk e la rabbia di London Calling dei Clash, la disperazione del post-punk di Unknown Pleasures dei Joy Division e la nascente new-wave di Q: Are We Not Men? A: We Are Devo! dei Devo, per fare qualche esempio. Se il rock sia poi effettivamente morto o meno, è un tema assai dibattuto. Ma per i suoi fan è sicuramente ancora vivo e vegeto. Proprio a loro sono dedicate queste tre mostre d'autunno.

Bologna. Patti Smith by Hanekroot.
I suoi ritratti più celebri sono quelli scattati da Robert Mapplethorpe, amante, amico e compagno di vita al quale dedicò il libro Just Kids nel 2010. Erano ritratti spontanei e delicati, che svelavano tutte le fragilità di una stella del rock non ancora del tutto sbocciata. A rivelare, invece, il lato più sicuro e sfrontato di Patti Smith fu Gijsbert Hanekroot, fotografo olandese conosciuto ad Amsterdam nel 1976 durante il tour dell'album Radio Ethiopia. Lui era già noto per aver fotografato le più grandi star del tempo come David Bowie, Lou Reed, Brian Ferry e Mick Jagger. Lei era all'apice del successo, reduce dai clamori di Horses e al suo secondo album. Bastò soltanto un'ora affinché si creasse una complicità tale da far nascere scatti intimi e profondi, capaci di catturare la personalità di Patti Smith. A Bologna, ONO Arte Contemporanea ha portato quelle immagini per la prima volta in Italia con la mostra Patti Smith by Hanekroot: 30 scatti che raccontano un pezzo di storia del rock ma soprattutto una donna al successo, in tutta la sua luminosità.

Bologna. ONO Arte Contemporanea, fino al 22 ottobre

Napoli. ROCK!
Ultimi giorni per visitare le sette mostre gratuite allestite presso il museo PAN di Napoli. Sette mostre come i sette anni dell'iniziativa ideata dai giornalisti Carmine Aymone e Michelangelo Iossa. Il tema è quello della storia del rock, con approfondimenti e percorsi alla scoperta degli artisti più influenti di sempre. E in occasione del quarantesimo anniversario della sua morte, non poteva mancare una mostra su di lui, Elvis Presley. Con 1977 / 2017: God save the King Elvis, il PAN di Napoli fa un tuffo nella sua vita privata attraverso l'esposizione di alcuni suoi oggetti personali provenienti dall'Elvis Museum on Tour. Altro anniversario storico è quello della nascita del punk, celebrato con 1977 / 2017: PUNK!, mostra del fotografo britannico Ricky Adam sulla scena punk di Belfast. Si continua con 1977 / 2017: …è ancora Febbre del Sabato Sera!, sulla colonna sonora del mitico film, con 1967 / 2017: i magnifici sette album, sui sette album cult del 1967 e con ROCK! Gothic Seven Seals, dedicata ai sette misteri che collegano musica, letteratura, cinema e arte. Concludono il percorso ROCK!…on stage, l’area dedicata ai concerti, incontri, workshops, presentazioni e OASI ROCK, dedicata al merchandising e alla promozione dei partner della mostra.

Napoli, PAN, fino al 30 settembre

Torino. Wall of Sound.
Di lui Lou Reed diceva: «Sono felice di farmi fotografare da Guido. So che le sue saranno immagini musicali, piene di poesia e di sentimento». Guido Harari è uno dei ritrattisti rock più celebri in Italia, capace di andare oltre all'immagine patinata delle rockstar per accarezzarne il volto più fragile, il lato più vero. In occasione di Artissima, la Fondazione Bottari Lattes porta a Torino Wall of Sound, una mostra antologica dedicata al fotografo di origine egiziana in cui verranno presentati 50 scatti realizzati tra il 1976 e il 2013. I protagonisti sono stelle del rock (e non solo rock) come Lou Reed, David Bowie, Jeff Buckley, Iggy Pop, Frank Zappa, Bob Marley. Leonard Cohen, Bob Dylan, Brian Eno e i Rolling Stones. Un viaggio nella storia della musica attraverso le sue icone immortali. Appuntamento immancabile.

Torino, Spazio Don Chisciotte, dal 26 ottobre al 24 dicembre