Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Luca Vitone, un viaggio in tre mostre


In occasione della Giornata del Contemporaneo, la prima antologica dell’artista ligure

di Micol De Pas

Luca Vitone si racconta in un viaggio lungo trent'anni. O meglio, nella prima mostra antologica milanese, che presenta i suoi lavori più significativi, dagli esordi ad oggi. In Io, Luca Vitone, infatti, l'artista genovese di casa a Berlino, ripropone il suo metodo di indagine sui luoghi fisici. Punto di partenza infatti è l'architettura dei luoghi e la loro storia, per analizzarli in chiave personale, attraverso la stratificazione dei diversi linguaggi legati all'identità e alle radici del luogo stesso.

Così trasforma lo spazio fisico del Pac, sede principale dell'esposizione, in un'opera stessa, capace di raccontare a sua volta le opere in mostra. Così ci sarà un'opera degli esordi ricontestualizzata nello spazio espositivo, accanto a quelle più recenti.

La mostra poi si estende alla città, lungo due direttrici: i chiostri del Museo Diocesano ospitano una selezione di lavori pensata dall'artista stesso. Mentre il Museo del Novecento accoglie l'installazione Wide City, opera del 1989 e ora acquisita dall'istituzione milanese.

Io, Luca Vitone

a cura di Luca Lo Pinto e Diego Sileo

Pac, Diocesano e Museo del Novecento, Milano, dal 13 ottobre al3 dicembre

(il 14/10, Giornata del Contemporaneo, ingressi gratuiti nelle tre sedi)