Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Illustratori in mostra, a Cremona e poi a Genova


Decimo anniversario della rassegna cremonese, con la partecipazione di Altan

di Micol De Pas

Cosa significa X? Per prima cosa, è un numero romano, il dieci, esattamente come gli anni compiuti dalla Mostra Internazionale di illustratori contemporanei ospitata dalla città di Cremona. Che proprio per festeggiare questo compleanno ha indetto un concorso sul tema della X. Il risultato è l'esposizione di quest'anno, visitabile fino al 18 gennaio: 48 illustratori selezionati su 735 danno la loro interpretazione, mentre undici di loro saranno ospiti delle iniziative dell'associazione Tapirulan, ogranizzatrice del concorso.

Ma X ha molti significati:

 X è una la lettera dell’alfabeto, X è l'incognita di un’equazione, X è una dimensione che porta lontano, X è il cognome di chi sognava la libertà per sé e per i suoi simili. Con la X si moltiplicano i numeri, si decretano i pareggi, si gioca a tris. (...) X è la morte che lascia spazio a una vita, X è un’ora, quella fatale, X è l’intimità dietro a una finestra serrata, un cromosoma, un signore di cui non sapete nulla. X è la firma di chi non scrive il proprio nome, un obiettivo da raggiungere, oppure un modo per far scomparire mille mondi virtuali dallo schermo del computer

E X è anche un ospite speciale: Francesco Tullio Altan. Che partecipa con una personale intitolata Il Caso: oltre duecento opere, provenienti da collezioni private e dall'archivio dell'agenzia Quipos, per raccontare i vari aspetti della sua ricchissima e articolata produzione, dai fumetti alle vignette del mitico Cipputi a quelle di vita famigliare, dalle illustrazioni per bambini al personaggio della Pimpa, alle copertine per Panorma e Il Venerdì di Repubblica, fino alle tavole realizzate per i libri di Swift, Piumini e Gogol. Il caso? Forse è la vita di ogni giorno, guardata con gli occhi acuti dell'ironia.


X Mostra internazionale di illustratori contemporanei

Santa Maria della Pietà a Cremona, fino al 18 gennaio

La mostra poi si sposterà a Genova, dove inaugurerà il 28 febbraio.