Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Il ritratto in tre libri


L’arte di raccontare gli altri attraverso se stessi. Tre fotografi a confronto

di Micol De Pas

La fotografia non è (mai) oggettiva. Anzi, è strettamente connessa alla personalità dell'autore, proprio perché fotografare è incorniciare il punto di vista di chi scatta. Si guarda nell'obbiettivo, che viene diretto proprio nel punto di interesse di chi vuole immortalare quel particolare momento, importante per lui. Dunque, soggettivo.

E se si parla di ritratto, la soggettività è ancora più evidente: il fotografo racconta se stesso attraverso l'altro. Ecco tre libri e tre sguardi sul tema. Da guardare, prima di tutto.

- Profiles, Marc Hom. La prima foto pubblicata in questa gallery è sua: Johnny Depp e Tim Burton insieme, con la testa appoggiata al tavolo e lo sguardo dritto in camera. Ironia, delicatezza e quella speciale alchimia che consente alle persone di essere se stesse fino in fondo, sono le caratteristiche del lavoro di Hom. Lo dice anche Anne Athaway in una nota introduttiva, mentre il fotografo stesso dichiara: "Questi scatti riflettono la mia fascinazione verso le persone e i loro innati caratteri e bellezza". In uscita per teNeues a setembre.

- Next, Klaus Mitteldorf. L'occhio si perde nel movimento e nella duplicazione dell'immagine proposti dal fotografo brasiliano. Si è costretti a fermarsi e a cercare la composizione e i punti di riferimento abituali. Ma non ci sono: Mitteldorf spiazza, prima di tutto. Poi, affascina: si è attratti da questo gioco di sdoppiamento, quasi per istinto. Forse perché queste fotografie sanno di futuro, richiamandosi al passato. Sintetizzano il mondo attuale, in cui tutti abbiamo a disposizione mezzi per documentare visivamente la nostra vita; richiamano uno spaesamento quasi da trance rispetto alla quantità di immagini possibili e, infine riportano alle sensazioni offerte dai tentativi dei Futuristi di dipingere il movimento. Insomma, più che un libro, un'esperienza multisensoriale. Next è uscito per l'editore Damiani.

- Money, People, Politics, Marco Grob. Altro volume in arrivo per l'editore teNeues, questo raccoglie una decade di ritratti del fotografo svizzero. Il titolo fornisce già molte informazioni: si tratta di personaggi che hanno dato forma al mondo attuale, attraverso la politica, la cultura, lo sport, l'intrattenimento, la tecnologia e la scienza. E lui, Grob, si è seduto in prima fila per catturare con la sua camera chi avrebbe fatto la storia. "Portare una macchina fotografica significa portare una responsabilità", dichiara Grob. Ecco, questa la filosofia di un ritrattista meticoloso, che sceglie la versione seicentesca di scontornare la personalità di un uomo importante: fondo scuro, da cui far emergere un primo piano. E in effetti tra i suoi scatti si contano nientemeno che Hillary Clinton e Donald Trump.