Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Il New York Times celebra Bill Cunningham


Il giornale ha dedicato a lui una serata nella città che il fotografo ha ritratto per molti anni: tra gli invitati, Naomi Campbell, Iman e Scott Schuman

di Giuliana Matarrese

Ha cominciato a lavorare per il New York Times per il 1978, quando al giornale notarono un suo scatto, preso di sorpresa, della divina Greta Garbo. Da allora, Bill Cunningham ha battuto le strade della Grande Mela nel nome del quotidiano più famoso per tutta la sua carriera, fino alla morte, il 25 Giugno di quest'anno.

Un apporto creativo, al mondo della fotografia di moda e dello streetstyle, quello di Cunningham, che il suo giornale ha voluto celebrare in una serata, fatta apposta per ricordarlo. Al Carnegie Hall's Stern Auditorium si sono così riuniti amici, collaboratori, modelle leggendarie, designer e direttori di giornali. Ad aprire l'evento, un discorso proprio dell'editore del NYT, Arthur Sulzberger Jr. , seguito dal tributo della direttrice di Vogue US Anna Wintour. Una performance pensata dai Canarsie Wobblers, tra gli ospiti Naomi Campbell, Michelle Harper, Michael Kors, Scott Schuman, Ralph Lauren e Grace Coddington. A sorvegliarli tutti bonariamente, un'immagine del fotografo all'esterno del Carnegie Hall, e, all'interno, un palo a cui era legata una bicicletta, mezzo prediletto del fotografo per spostarsi tra le strade della metropoli.