Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Icon Soul Night: il primo raduno del G9 di Baracuta


Nella settimana di Panorama d’Italia, Icon e Baracuta hanno festeggiato al Base il primo raduno della giacca sinonimo della cultura Mod

di Giuliana Matarrese

Uno dei primi ad indossarlo è stato Paul Weller, il Mod Father, divinità di riferimento della cultura modernista. E non è quindi un caso che il G9 di Baracuta, la giacca in tessuto tecnico con l'interno in tartan del clan Fraser di Lord Lovat, sia diventata una presenza stabile nel guardaroba dei Mod, cultura urbana che del ben vestire ha fatto un comandamento inderogabile.

Una trovata geniale quella dei fratelli Miller, fondatori del marchio nato con i capispalla per la pioggia, che sublimarono la loro competenza in materia nel 1937, disegnando una giacca dagli elementi ben definiti: il colletto con due bottoni, il taglio ergonomico sul retro della giacca che ricorda il profilo dell'ombrello, fondamentale per far scivolare l'acqua, e, appunto l'interno in tartan del 13esimo secolo ricevuto in regalo dai fratelli John e Isaac Miller da Lord Lovat, 25esimo capo clan dei Fraser. Un colpo di fulmine per i golfisti prima, e per i Mod poi, che vedevano riuniti in un solo elemento funzionalità e impeccabili formalismi.

E gli eredi di quella tradizione sono così accorsi ieri sera, al primo raduno di G9 Baracuta, organizzato dal marchio e da Icon, nella cornice della settimana milanese di Panorama d'Italia. La Icon Soul Night, sotto la direzione creativa di Alioscia Bisceglia ed Elita, ha trovato la sua sede nello spazio del Base, radunando gli esponenti attuali della cultura mod, e amici del marchio, presenti nel loro G9, da Saturnino Celani a Francesco Mandelli passando per Ringo e Paolo Kessisoglu. A fornire la colonna sonora alla serata, il Northern Soul di Eddie Piller e Henry Lazzeri, istituzioni nei circoli mod italiani e internazionali. Note che hanno scandito anche il conseguente dance contest, a cui da giudice ha fatto la ballerina di Northern Soul Lauren Fitzpatrick. 

Un serata proseguita anche dopo la proclamazione del vincitore, tra cocktail e northern soul. Nel nome della buona musica, e dello stile.