Questo sito contribuisce alla audience di panorama

I migliori ritratti dal mondo della natura


In mostra a Milano il Wildlife Photographer of the Year

di Luca Bergamin

In Italia gli orsi come Daniza fanno una triste fine. Nel resto del mondo, gli animali  invece sono oggetto di un rispetto e culto anche fotografico. Del resto, sono opere d'arte che si muovono, ansimano, e sembra quasi che recitino davanti all'obiettivo.

Invece non c'è posa concordata in questi cento scatti esposti al Museo Minguzzi Milano, dove fa tappa Wildlife Photographer of the Year. Questo Oscar mondiale dello scatto naturalistico, elevato ad attesissimo e ambitissimo evento annuale dal Natural History Museum di Londra insieme al Wildlife Magazine della Bbc è un viaggio nelle foreste incontaminate dell'Amazzonia e del Centro America, nelle savane africane, tra i ghiacci del Nord America, le Alpi nostrane. La pazienza, il coraggio e anche la pazzia di questi fotografi (43 mila gli scatti oggetto di selezione) ci regalano un'intimità con il mondo naturale che altrimenti ci sarebbe preclusa.


Così l'orso bianco di Paul Soders a mollo tra i ghiacci, i premiati elefanti, quasi una rapsodia blu, di Greg du Toit appostatosi molte notti per "catturarli" nella Northern Tuli Game Riserve del Botswana, diventano modelli inconsapevoli di bellezza. Il leone deve essersi accorto benissimo di quello che gli stava facendo Hannes Lochner, guardando dritto in macchina. Anche il ranocchio pare strizzare l'occhio al polacco Łukasz Bożycki. Fa capolino anche il Parco Nazionale del Gran Paradiso con i suoi, nostri, stambecchi che Stanislao Basileo è stato bravissimo a cogliere nell'attimo di arrampicarsi  sui dirupi intorno al lago Serrù, mentre Alessandro Bee ha reso eterno il volo di un parrocchetto tra gli spruzzi delle cascate Iguaçu in Argentina. La lista è lunghissima e le foto tutte degne di citazione. Comprese quelle dedicata al mondo vegetale, come i lavori di Valter Binotto incentrati sulla sua passione per i fiori: la sua "Dente di cane" è un'immagine sfocata, quasi rarefatta, onirica.


Wildlife Photographer of the Year

Museo Minguzzi di Milano, fino al 26 ottobre