Questo sito contribuisce alla audience di panorama

House of cards: Frank Underwood è tornato


Finita l’attesa per la terza stagione del political drama, online su Netflix dal 27 Febbraio. Tra trailer e spoiler, Kevin Spacey torna alla Casa Bianca

di Giuliana Matarrese

Frank Underwood non ha fatto in tempo a godersi i risultati degli intrighi macchiavellici che l'hanno portato alla Casa Bianca, che già i problemi, i nemici, sono tornati, e sembrano più agguerriti di prima. O almeno è quello che si intuisce dai due trailer sinora fatti circolare da Netflix, che produce la serie e che ha regalato ai fan della coppia più potente degli Stati Uniti, quella dei coniugi Underwood, delle gustose anteprime della terza stagione, che metterà a disposizione online dal 27 Febbraio.

Una gestazione difficile e molto attesa, quella della nuova serie, ispirata all'omonimo libro del politico conservatore britannico Michael Dobbs, amata dal vero presidente americano Barack Obama, e a cui, forse incautamente, il premier Matteo Renzi ha consigliato ai suoi di prendere ispirazione nella gestione delle beghe politiche. Giorni fa, per un guasto tecnico, sul sito del servizio di streaming on-demand è stato infatti possibile per alcune ore accedere a tutte le sinossi dei nuovi episodi, scatenando il panico degli internauti e degli aficionados del prodotto, mentre i gossip trapelati han parlato di un presidente russo (quello vero, Vladimir Putin) talmente irritato da aver vietato che fossero girate scene al Palazzo di Vetro, dove quest'anno Claire (Robin Wright) perorerà gli interessi statunitensi, proprio contro quelli russi.

Per quanto riguarda invece il materiale ufficiale fatto circolare da Netflix, il montaggio ad arte dei trailer fa salire la tensione senza però svelare molto: impegni militari all'estero, relazioni tese con la Russia, e, particolare più interessante, relazioni tese anche tra gli Underwood, che fino ad ora sono sembrati legati da un patto non scritto ma di ferro, che li univa nella scalata al potere. 

Non resta altro da fare che attendere il 27 Febbraio.