Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Hopperiana: tre fotografi interpretano Edward Hopper


La pittura iperrealista, le atmosfere sospese e silenziose del pittore americano, raccontate dall’obiettivo di Campigotto, Crewdson, Tuscham

di Marta Galli

Se immaginassimo di tradurre il mondo di parole di Truman Capote in immagini, forse i quadri di Edward Hopper costituirebbero una più che soddisfacente approssimazione.

L’America alla metà del secolo scorso ritratta da Hopper si ritrova congelata in un istante di sospensione infinito: gli interni domestici, la luce chiara, aurorale quasi, il senso di silenzio profondo contribuiscono a corroborare una sensazione di irrealtà e solitudine. Un’atmosfera assolutamente specifica, che potremmo definire ‘hopperiana’. Com’è l’atmosfera nei quadri di Hopper? È ‘hopperiana’, ecco, è tautologico, ma efficace per chiunque abbia incontrato almeno una volta l’opera del pittore americano.

Hopperiana diventa quindi il titolo di una mostra fotografica alla galleria Photology di Milano, che riunisce tre artisti di fama internazionale, ciascuno con un debito più o meno dichiarato nei confronti di Edward Hopper stesso: Luca Campigotto, il notissimo Gregory Crewdson e Richard Tuschman.

Lo stato d’animo dei personaggi sembra oscillare tra sogno e alienazione, tra desiderio e rassegnazione

Sono le parole proprio di Tuschman a commento della sua serie dal titolo emblematico Hopper Meditations, che nasce dall’assemblaggio in post-produzione di minuscole ‘case di bambola’ e personaggi in carne e ossa ritratti separatamente.

E se da una parte i dipinti di Hopper sono di uno straordinario realismo è curioso come, dall’altra, queste fotografie sorprendano per la qualità pittorica, i colori artefatti e la dimensione onirica.

D’altro canto, il taglio squisitamente moderno, cinematografico, che Hopper dà alla composizione, non può che farci pensare al momento in cui i sonnolenti personaggi intrappolati nei suoi quadri abbandonino il letto, la poltrona, il bancone del bar.


----

Hopperiana, Photology, Milano, 2 ottobre – 8 novembre 2014