Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Le fotografie di Brassaï a Milano


La Parigi notturna e riposta di Brassaï in 260 scatti, in mostra a Palazzo Morando.

di Marta Galli

Le coppiette nei cafés, le luci languide sulla Senna, place de la Concorde immersa nella nebbia, il tram e le serate al Maxim’s: le fotografie di Brassaï sono tante cartoline di Parigi che crediamo di conoscere fin troppo bene, ma che forse proprio per questo non abbiamo mai effettivamente guardato.

Ecco, la mostra Brassaï. Pour l’amour de Paris è l’occasione per rimettere gli occhi sul lavoro di un fotografo che ci ha lasciato il racconto – il suo personale certo- della cossiddetta belle ville degli anni folli. Le 260 presenti in mostra sono stampe originali, fatto raro e notevole se la vediamo dal punto di vista di Cartier-Bresson, che diceva: “Lo scatto è il padre della fotografia, ma la madre è l’incubatrice della camera oscura”. A ricordarlo all'apertura della mostra è Claudio de Polo Saibant, direttore della Fondazione Fratelli Alinari (che con il comune di Parigi è all’orgine dell'esposizione milanese).

Brassaï aveva un penchant per gli angoli scuri e sinistri della città e per personaggi non troppo per bene come Kiki de Montparnasse e le sue amiche, per l’aristocrazia bohémienne degli artisti come Pablo Picasso, a cui il maestro spagnolo affiderà il compito di fotografare le sue sculture. Ma anche per la città stessa, che ritrae umida di pioggia, coperta dalla neve, di notte soprattutto, ma anche giorno. “Brassaï adorava Proust” racconta la curatrice Agnés de Gouvion Saint Cyr “e per lui Parigi era la sua petetite Madeleine”. Brassa, al secolo Gyula Halász, era nato a Brașov, ma l’amore per Parigi, che aveva visto per la prima volta bambino al seguito del padre, lo spingerà a tornare e lo trasformerà in un fotografo randagio a caccia di tracce della vita brulicante per i vicoli, i locali, i mercati e i giardini.

E per immergerisi a pieno nell'atmosfera parigina, parallelamente alla mostra l'Institut Francais a Milano organizza un trittico di proiezioni a tema (Le jour se lève, L'âge d'or, Montparnasse 19). 

---------------------

Brassaï. Pour l’amour de Paris, Palazzo Morando, Milano, 20 marzo – 20 giugno