Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Le donne di Milano


Due anni di scatti in strada per raccontare le signore della città meneghina. Un libro e una mostra

di Micol De Pas

Si intitola Fie e, come si legge nella prima pagina dell'omonimo volume, il significato di questa parola, da dizionario, è:

a[fì-a] region. gas.f. (pl. -che)
1 volg. Vulva
2 estens. volg. Donna attraente e desiderabile: bella f.

A bene vedere, non sono solo donne attraenti quelle raccolte in questo volume, ma l'occhio del fotografo è preciso nel sottolineare che a Milano, le donne sono tutte belle. Anche quelle stanche, nervose, stressate, anziane, bruttine, cicciottelle.... E proprio per questo Ray Banhoff, il fotografo in questione, per due anni ha fotografato unicamente loro.

"Quando sono arrivato a Milano", spiega, "le donne di questa città mi sembravano tutte splendide: sentivo la scia del loro profumo, guardavo i loro capelli bellissimi e luminosi, mi colpivano anche le anziane, le badanti, le brutte e le grasse. Per poi giungere a una conclusione: è Milano che le rende speciali. Milano è la Las Vegas delle donne d'Italia!".

Ma all'inizio non c'era nessun progetto: Banhoff fotografava per il gusto di farlo, senza sapere nulla (o quasi) di fotografia. Italiane, straniere, magre, grasse, giovani, vecchie, ben vestite, mal vestite. Più di tremila scatti raccolti compulsivamente giorno dopo giorno, nel tragitto casa-ufficio, per strada, sui tram, di nascosto, fino ad arrivare sotto alle gonne. Inizialmente è solo un gioco goliardico da condividere con un gruppo di amici su WhatsApp, ma poco a poco l’inquadratura e lo stile si affinano e il passatempo diventa un lavoro fotografico intimo e necessario, con un codice del tutto personale.

E come sempre accade, la svolta arriva all'improvviso. Ovvero quando Banhoff decide di mostrare i suoi scatti a un'amica, che ne seleziona un buon numero e gli consiglia di lavorarci. Lui le presenta al fotografo di moda Toni Thorimbert: se ne innamora e chiede di poter curare un libro per presentarle. Così nasce Banhoff Street– Fie di Ray Banhof, primo volume firmato dal fotografo e blogger toscano naturalizzato milanese, pubblicato in edizione limitata da Strip-Project.

Il libro curato da Thorimbert sarà presentato il 28 ottobre insieme a una piccola mostra che evidenzia il forte legame tra la fotografia di strada e la fotografia di moda, ieri e oggi, alla Biblioteca della Moda di Milano.