Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Harry Potter e i parchi a tema


Gli Universal Studios scommettono sul maghetto. Con un tocco artistico

di Marta Galli

Anche se il maghetto ha ceduto il record di vendite alle 50 sfumature di grigio, si continua a investire sull’immaginario del piccolo Harry Potter. Universal ha annunciato per il 2016 l’ampliamento del suo parco giochi hollywoodiano e già ferve il cantiere per aggiungere centinaia di posti auto e camere d’albergo.

Un paio di inaugurazioni si sono già susseguite negli ultimi due mesi: l’apertura di The Wizarding World of Harry Potter all’interno degli Universal Studios di Osaka e lo svelamento dell’originale Diagon Alley, un’area completamente nuova annessa al parco giochi di Orlando (città che peraltro pullula di attrazioni del genere) e a cui la saga di J. K. Rowling ha fornito molto più che l’ispirazione. Diagon Alley è infatti il nome della strada dove i maghi fanno acquisti (sì, anche i maghi fanno shopping) e vi si accede passando per un pertugio segreto nel retrobottega del "Paiolo Magico", una sorta di pub scarsamente illuminato e di poche pretese. 

La configurazione del parco a tema replica con esattezza i luoghi del racconto e non a caso per concepire gli elementi grafici e i packaging, la cartellonistica e le facciate dei colorati edifici sono stati chiamati gli stessi autori del design di tutti gli episodi della serie: Miraphora Mina e Eduardo Lima. Lavorando sul set, fianco a fianco per 10 anni, i due hanno infine deciso di unire le loro forze nel 2009 in uno studio di progettazione a Londra chiamato MinaLima. “A Diagon Alley tutto il lavoro ruota intorno a un’importante ricerca tipografica. Alcuni caratteri sono stati rinvenuti da vecchi archivi, altri sono stati disegnati appositamente”, racconta Miraphora Mina a proposito dell’ultima fatica. “La sfida stava nel trasferire lo stesso tono brillante e umoristico che la Rowling tiene nella narrazione e ottenere qualcosa di squisitamente British”.

Per vedere gli altri lavori di MinaLima: www.minalima.com