Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Debbie secondo Brian Aris


La leader dei Blondie negli scatti del fotogiornalista inglese

“Debbie è unica: sicuramente una delle persone più creative con cui abbia lavorato”, dice oggi  Brian Aris, fotogiornalista di guerra con una forte inclinazione per i reportages. E pensare che ai tempi del loro primo incontro, nel 1977, Aris accettò senza grande entusiasmo l’incarico di realizzare un servizio fotografico con Debbie Harry. La cantante dei Blondie era ancora lontana dall’essere considerata un’icona pop, nonostante in molti già la chiamassero “Punk Princess”. Quel giorno tra i due nacque un forte feeling, che con il passare del tempo si è intensificato, tanto che il loro rapporto di amicizia e collaborazione continua ancora. 
Negli anni Aris ha collezionato un’infinità di scatti che la riguardano, molti dei quali fanno parte della nuova mostra in programma fino al 17 febbraio alla Proud Gallery di Chelsea intitolata Debbie Harry: Queen of Punk. Photographs by Brian Aris .
La collezione di ritratti fu scattata nel decennio che va dal 1977 al 1988 e mostra la cantante sotto una luce insolita: bellissima ed elegante nella sua casa di New York, in giardino, nel suo camerino o in studio. Tra le foto più interessanti in mostra c’è la preferita da Aris: quella realizzata in Sicilia nel 1988 durante le riprese del video Island of Lost Souls: Harry è ritratta dentro una barca con gli occhiali da sole, in perfetto stile reportage. (c.b.)

© Riproduzione riservata