Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Le ultime cartoline da Cuba prima del disgelo con gli Stati Uniti


Al Center for Photography di Southampton il racconto di 65 anni sull’isola attraverso le immagini dei suoi artisti

di Luca Bergamin

Sono le settimane in cui il disgelo tra Stati Uniti e Cuba diventa effettivo. Le rispettive ambasciate riaprono a Washington e a L’Habana. 

All’International Center for Photography di Southampton nello stato di New York, sono esposti gli scatti, un centinaio, di artisti cubani che sono stati i più abili nel raccontare questi decenni durissimi ma anche esaltanti sul piano sociale per l’isola caraibica. I loro nomi sono ben noti: Alberto Korda, Raul Corrales, Marucha. Accanto a loro, ci sono icone americane che hanno effettuato molti reportage nella terra di Castro, ovvero Elliott Erwitt, Burt Glinn.

Al di là delle firme, a colpire sono i ragazzi sui gommoni che cercano di attraversare il braccio di mare tra i due paesi, le scene tratte dalle partite di baseball, sport nazionale in entrambi i due mondi altrimenti tanto lontani. E, ancora, la folla che assiste a agli interminabili discorsi pubblici di Fidel.

E non possono mancare le automobili d’epoca che ancora scorrazzano per le strade delle città cubane anche se soltanto la carrozzeria è quella originale, mentre il motore è un miracolo dell’ingegneria meccanica di strada. Del resto, come si vede ancora una volta in questa mostra, la vita dei discendenti del Che è un libro infinito di espedienti per tirare a campare. Cartoline da Cuba prima del disgelo.

------------------

Cuba, Cuba, 65 Years of Photography

Southampton Arts Center, NY

Dal 15 agosto al 7 settembre