Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Quattro cose da sapere su Stanley Greene


Il fotografo americano a Milano con “The western front”, gli scatti sulla scena punk di San Francisco, da Nico ai Ramones

di Giuliana Matarrese

La mostra The western front rappresenta la sua prima volta nel Bel Paese (grazie a Leica Camera Italia), anche se Stanley Greene, è uno di quei fotoreporter che la fama mondiale la conosce da ormai trent'anni. Alle Leica Galerie di Milano per l'apertura dell'evento a lui dedicato, racconta per immagini il dietro le quinte di una carriera che dura ormai da quarant'anni. Ecco cinque cose da sapere:

Fotografo per caso: "Sono diventato fotografo di musicisti senza accorgermene, quando ero ancora uno studente, dal 1975, con alcuni di loro condividevo la casa, il punk era solo agli inizi. Ogni tanto scattavo una foto", spiega divertito Greene, giovanissimo e ancora sconosciuto al grande pubblico all'epoca degli scatti, che testimoniano una delle più importanti scene musicali di cui il mondo abbia memoria, quella punk di San Francisco tra gli anni '70 e '80.

27 scatti leggendari La mostra The western front raccoglie 27 immagini in bianco e nero, i cui protagonisti sono nomi evocativi per gli amanti del punk: The Avengers, Dead Kennedys, Romeo Voids, Ramones, molti di loro conosciuti perché studiavano, come lui, al San Francisco Art Institute. Gli scatti, realizzati nel backstage dei concerti, sul palco o per le strade, sono stati poi pubblicati sui magazine musicali più famosi dell'epoca. 

La carriera (pluripremiata) di Greene Il punk è stato solo l'inizio della carriera di Greene, riconosciuto come uno dei fotoreporter più importanti del contemporaneo. Ad entrare nella storia i suoi reportage dalle zone di guerra, la Cecenia su tutte, e la foto della caduta del Muro di Berlino "Kisses to all, Berlin Wall". Con i suoi scatti ha testimoniato nascita e tramonto di imperi, invasioni e conflitti sui cinque continenti.

Una vita on the wild side: Membro sin da giovane delle Black Panther, movimento che raccoglieva gli attivisti politici che si battevano contro la guerra in Vietnam, prima di fondare la sua agenzia, Noor, ha documentato conflitti e personaggi più importanti del secolo scorso, rischiando persino la morte, intrappolato nella Casa Bianca di Mosca (la sede del parlamento russo) durante il tentato colpo di stato nel 1993 contro Boris Eltsin, che vide la struttura bombardata dai carri armati dell'esercito.

----------------

The Western Front
Foto di Stanley Greene
Leica Galerie Milano
Via Mengoni 4 – angolo Piazza Duomo, Milano
12 maggio-28 giugno 2015