Questo sito contribuisce alla audience di panorama

La giovane Cindy


Due mostre dedicate ai primi lavori di Cindy Sherman. Dal 10 gennaio

Ci sono solo due modi per conoscere davvero la fotografa americana Cindy Sherman: incontrarla di persona o vedere i suoi lavori giovanili. Che saranno esposti in due mostre, a Firenze e a Merano. Proprio in quegli scatti, realizzati quando era poco più che ventenne, l'artista, nata nel 1959 a Glen Ridge, racconta di sé. Attraverso il ritratto, mette in scena l'universo emotivo femminile. Il soggetto è sempre lei stessa, truccata e mascherata per interpretare personaggi e ruoli diversi. La prima esposizione, Cindy Sherman: Early Works , inaugura il 10 gennaio al Gucci Museo di Firenze e raccoglie due storie, «Murder Mystery People» dove gli scatti evocano atmosfere da poliziesco tra crudeltà e umorismo e «Bus Riders», una sorta di performance fotografica in cui l'autrice interpreta i diversi tipi umani che viaggiano abitualmente in autobus (negli anni '70). In più, si potrà vedere «Doll Clothes», pellicola animata del 1975. A Merano, invece, andrà in scena Cindy Sherman. That's me - That's not me. Le opere giovanili 1975-77 (dal 1 febbraio, Merano Arte). Curata da Gabriele Schor in collaborazione con la Collezione Verbund di Vienna, la mostra presenta 50 opere significative. Perché includono anche quei ritratti che abitualmente aprivano i lavori di quell'epoca in cui la Sherman si presentava al pubblico: That's me, Questa sono io. (micol de pas, © Riproduzione riservata)

Cindy Sherman: Early Works, 10 gennaio - 9 giugno, Firenze, Gucci Museo

CINDY SHERMAN. That's me - That's not me. Le opere giovanili 1975 - 1977, 1 febbraio - 26 maggio, Merano, Merano Arte