Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Björk in mostra al MoMA


Dall’8 marzo al 7 giugno, una mostra che ripercorre 20 anni di carriera e 7 album da “Debut” a “Biophilia”

di Silvia Anna Barrilà

Il MoMA di New York dedica una retrospettiva alla cantante, compositrice e artista islandese Björk. La mostra, dall'8 marzo al 7 giugno, ripercorre gli oltre 20 anni della sua carriera sfaccettata e i sette album da lei pubblicati, da Debut (1993) a Biophilia (2011). Il nuovo disco, Vulnicura, verrà lanciato  proprio contemporaneamente all'esposizione del museo americano. Nota per la sua inconfondibile voce e lo stile eccentrio e sperimentale, Björk ci racconterà la sua opera attraverso suoni, film, oggetti, costumi, strumenti, performance seguendo una narrazione biografica ma anche immaginaria, scritta insieme all'autore islandese Sjón. Inoltre l'artista creerà un'installazione ambientale con musica e film concepita insieme al regista Andrew Thomas Huang e utilizzando il software di modellazione, rendering e visualizzazione con programmi 3D Autodesk.

La mostra, curata da Klaus Biesenbach, curatore del MoMA e direttore del MoMA PS1, evocherà anche le varie collaborazioni di Björk con registi, fotografi, stilisti e artisti. “Björk è un'artista straordinariamente innovativa il cui contributo alla musica contemporanea, al video, al film, alla moda e all'arte ha avuto un impatto enorme sulla sua generazione a livello globale" ha dichiarato Biesenbach. "Questa mostra molto sperimentale offre ai visitatori un'esperienza diretta della sua opera e collaborazioni".

Per l'occasione il MoMA ha anche annunciato l'acquisizione di "Biophilia (2011)", un ibrido tra app e album musicale con grafiche interattive e animazioni creata da Björk con M/M Paris, Sjón, Scott Snibbe, Kodama Studios, Touch Press, Relative Wave, Nikki Dibben, Stephen Malinowski e John F. Simon, Jr. È la prima app ad entrare nella collezione del museo.

-------

Björk al MoMa

New York, 8 marzo - 7 giugno