Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Andrea Rossato vince il Sony Award per l’Italia con Industrial Geometries


Gli scatti del più importante concorso mondiale

di Luca Bergamin

Hanno partecipato in 177 mila inviando scatti da 171 paesi. Il Sony World Photography Awards è il concorso fotografico più conosciuto al mondo, aperto sia a professionisti che ad amatori.

Il vincitore italiano dell’edizione 2015 è il pratese Andrea Rossato con la sua “Industrial Geometries” che probabilmente sarebbe piaciuta a Gabriele Basilico sia per la scelta del soggetto che per il taglio e la luce.

La sua immagine, scattata a Martignacco in provincia di Udine, sarà premiata nel corso della cerimonia di gala che si terrà a Londra il 23 aprile e successivamente esposta alla Somerset House di Londra durante la mostra in programma dal 24 aprile al 10 maggio.  Al secondo posto, per il nostro paese, si è classificato Pierumberto Pampanin che ha preceduto Mirko Boni.

Colpisce, per quel verde sfolgorante, la tessitura ritratta dal vietnamita Pham Van Ty, come è vivida, molto design style l’immagine che ha fatto vincere José Luis Vilar Jordan tra i fotografi spagnoli: la sua bicicletta sfreccia tra bianche immacolate impalcature.

La tedesca Uwe Hennig è riuscita invece nel difficilissimo intento di rendere bellissima una zanzara “catturata” mentre sembra danzare sull’acqua. E’ una vera ballerina che flette le gambe la protagonista dello scatto fortunato di Courtney Colantonio Ray, migliore candidata statunitense insieme ad Assen Todorov il quale ha scelto un soggetto geografico decisamente glabro.

Il britannico Byron Dilkes ci proietta invece con l’occhio e la fantasia nel mondo sottomarino, ma soltanto a metà visto che la sua macchina fotografica rimane a pelo d’acqua, consentendo così di guardare ben due dimensioni. L’australiano Karl Grenet merita una citazione speciale, oltre al premio del suo paese, per il simpatico quadretto di un’emeroteca asiatica verticale in cui ognuno legge il giornale a modo e nella posizione che preferisce, sovvertendo ogni più classica forma fisica di lettura.