Questo sito contribuisce alla audience di panorama

L’essenza dell’altro nella fotografia di Giuseppe Varchetta


Un libro e una mostra (accompagnati dalla musica) raccontano gli scatti dello psicologo fotografo

di Micol De Pas

Il progetto è quello di un dialogo tra l'autore e la sua opera. Un confronto per immagini in un dittico fotografico che vuole raccontare il personaggio e il frutto del suo pensiero. Come se la fotografia potesse radiografare il pensiero ideativo.

È il lavoro di Giuseppe Varchetta, fotografo e psicologo, che si propone di raccontare circa 50 autori attraverso un meccanismo intellettuale: la testimonianza parziale del mondo si trasforma in uno spiraglio in cui il visibile lascia spazio all'invisibile. Così Pina Bausch, Enzo Mari, Robert Wilson, Valerio Magrelli, Gianni Berengo Gardin, Michele De Lucchi e molti altri si svelano, con grande delicatezza. Anzi, in realtà non svelano niente, ma lasciano aperto un piccolo varco. Di immaginazione, di sogno, di intimità, che il pubblico può cogliere, immaginare, interpretare. Il dato oggettivo è il rapporto con la propria opera, che sia visiva o letteraria. Ma mai come icona, né come semplice forma documentaristica: sono occasioni, tensioni, verso qualcosa d'altro. Verso l'interno, verso ciò che non appare in superficie. Perché prima di tutto sono l'esposizione di un punto di vista particolare, quello di Varchetta, nella sua narrazione personale di incontri straordinari. Tutto questo è un libro e una mostra.

Autori & Opere. Fotografie di Giuseppe Varchetta, Edizioni del Foglio Clandestino, sarà presentato a Milano per Bookcity, il 18 novembre con inaugurazione della mostra e commento musicale di Sguardi Musicali. MAMU Magazzino Musica, via Soave 3, Milano, ore 17.30.