Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Jennifer Lawrence, la ragazza di fuoco


Sul red carpet del Festival di Roma la star del momento si atteggia da diva ma conserva ancora i tratti e i modi di una splendida adolescente

di Carla Brazzoli

A 23 anni Jennifer Lawrence è ormai una (quasi) diva. Non sorprende che per vederla sul red carpet del Festival Internazionale del Film di Roma che si sta svolgendo in questi giorni, centinaia di fan si siano accampati per la notte all’Auditorium Parco della Musica e siano diventati migliaia con l'avvicinarsi del momento tanto atteso. Al suo arrivo Jennifer ha monopolizzato l'attenzione, ha dispensato sorrisi radiosi ma non si è fermata a firmare autografi né a rispondere alle domande volanti dei giornalisti. Certo, la trasformazione da adolescente acerba e incerta di The Burning Plain a diva assoluta (forse anche troppo consapevole del suo ruolo) si sta compiendo. Ma ne ha ancora di strada da fare.

La Lawrence ha al suo attivo un Oscar (per Il lato positivo), figura tra le 100 persone più influenti nella classifica di Time nella sezione Artisti, Forbes la posiziona dopo Angelina Jolie come star più pagata, la rivista Rolling Stone la definisce la più talentuosa giovane attrice di tutta l'America ed è una delle interpreti più ricercate del momento: oltre a tornare nei panni dell’eroina protagonista di Hunger Games nei due film previsti per il 2014 e 2015, riprenderà anche il ruolo di Mystique nel nuovo capitolo di X-Men - Giorni di un futuro passato e sarà protagonista di numerose altre pellicole, incluso l’adattamento di La valle dell'Eden di Gary Ross, il film basato sul romanzo di John Steinbeck. 

In questi giorni sta girando l’Europa con i colleghi Liam Hemsworth e Josh Hutcherson per la promozione di Hunger Games - La ragazza di fuoco: dopo Madrid e Londra ora è in Italia per l’anteprima del film che uscirà il 27 novembre. Ovunque sia andata ha conquistato per il suo sex appeal che ben usa consapevole di essere diventata oggetto del desiderio di molti adolescenti (e non solo). Sul red carpet romano è apparsa con un look da diva e ancor più radiosa del solito: abito color avorio della collezione Dior couture autunno 2013, altissimi sandali dorati e acconciatura sofisticata, con capelli corti, biondi, pettinati all’indietro. Bellissima. Peccato per quei piedi imbarazzati e per quelle braccia sollevate al cielo come una giovane emozionata e incredula di essere lì, proprio lì, al cospetto di tutti. Due gesti che l'hanno resa irresistibile e ancor più amabile. Ma che indicano ancora che le potenzialità di diva (vera) sono ancora da manifestare.