Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Le più belle modelle del Brasile


La bellezza brasiliana è nota. Ecco le cinque top model più sexy, icone del Mondiali di calcio 2014

di Monica Agostini

Sono cinque, e sono le top model brasiliane più belle del momento. Eccole, una per una.

Alessandra Ambrosio è un'icona, di bellezza e di eleganza. Per anni è stata la protagonista delle sfilate di Victoria's Secret. A riguardo, in una recente intervista al giornale di moda Flair, dice di sè

Cos'hanno voluto in cambio? Nulla, solo che mantenessi il mio corpo intatto, così com'era il giorno in cui mi hanno scelta

Sembra semplice, ma questo denota in realtà la dedizione con la quale si è sempre impegnata sui set e in sfilata. Risultato? Incedere da pantera gambe scolpite, carnagione ambrata.

Leggi anche Top Angel per vedere altre immagini della sua carriera

Adriana Lima è un'altra bombshell: più morbida della collega, punta tutto su una sensualità palese ma mai esagerata. La sua bocca carnosa e gli occhi chiari chiudono il cerchio. Mozzafiato. Al punto che il sito Models.com la mette al primo posto nella categoria delle modelle più sexy. Come dagli torto...

Gisele Bundchen è al terzo posto della classifica di cui si parla sopra – ora forse più dedita al ruolo di mamma, mantiene un corpo invidiabile grazie alle continue sessioni di yoga, suo sport preferito.

Leggi anche La lingerie di Gisele per scoprire il suo spirito imprenditoriale

Isabeli Fontana rivela una bellezza più inusuale: pelle poco dorata, occhi chiari e un tratto tipicamente europeo. Ma ritratta dai fotografi esprime tutto il suo sex appeal – e sui red carpet, si può permettere anche un abito di colore giallo, che di solito non sta proprio bene a tutte

Raquel Zimmermann è una mosca bianca, ovvero non ha nulla dell'estetica classica brasiliana. Ricorda di più la bellezza tipica di inizio secolo: tratti decisi e purezza delicata.

Cosa hanno tutte in comune? La passione per il calcio, come spiegano in una recente intervista a Vogue America.

La vittoria deve essere ottenuta con grazia. Noi la chiamiamo ginga, quando i calciatori si muovono come se danzassero. Perché il calcio è come il balletto, per i brasiliani