Questo sito contribuisce alla audience di panorama

La tendenza: profumi d’ambiente di diptyque


Cinque idee e tanti profumi per dare un tocco in più a ogni stanza della casa

di Eleonora Gionchi

Ci sono le candele, must-have dal 1963, L’Ovale da appendere nell’armadio o da appoggiare nei cassetti, il vaporizzatore e poi le ultime novità: il Sablier e il Un Air de diptyque. Per lo studio, il salotto, la camera da letto ma anche la valigia, per diptyque profumare l’ambiente è diventato quasi una forma d’arte.

Nell'armadio, l’Ovale. Ha una durata di circa 3 mesi, viene realizzato in stampi di gesso che vengono rotti ogni 30 pezzi così da mantenere la qualità dell’incisione e la concentrazione di profumo in ogni ovale è del 25-30%: L’Ovale di diptyque è tra gli oggetti più curiosi e della linea. Pensato per essere sospeso nell’armadio dopo l’odiato cambio di stagione, può essere appoggiato anche nei cassetti o nella valigia del week-end.

Nel living room, il Vaporizzatore. Un po’ compagno dell’Ovale, il Vaporizzatore è pensato per essere un vero e proprio eau de toilette per la casa, da spruzzare non solo nell’ambiente ma anche su tessuti e vestiti – per questo caso, sono state pensate le fragranze di Jasmin e Roses che donano freschezza. Non solo, il Vaporizzatore viene spesso affiancato alla candela, al diffusore elettrico o al Le Sablier, così da intensificare la fragranza stessa. Ideale per il living room sono Feu de Bois e Ambre mentre per il bagno Verveine e Feuille de Lavande.

Per la zona notte, Un Air de diptyque. Oggetto d’arredamento con un’anima quasi nomade, Un Air de diptyque è estremamente funzionale e pratico: è di forma ovale, un classico per la maison parigina, e ha al suo interno una capsula della stessa forma contenente delle microsfere di profumo attivate da una semplice pressione applicata in cima al diffusore che permette di avviare un ciclo di profumazione di 60 minuti. Unico nel suo genere grazie alla diffusione a freddo, sono state create due fragranze ad hoc dal naso Olivier Pescheux, lo Zenzero e i Fiori d’Arancio.

Per lo studio, le Sablier. Semplice e pratico, è di sicuro il preferito dagli uomini che scelgono Le Sablier per il loro ufficio o lo studio. La forma è quella classica della clessidra che emana ciclicamente il profumo nell’aria ogni 20 minuti, così che non dia noia, e che può essere amplificato se il diffusore viene sistemato accanto a finestre, camini o comunque in una posizione aperta sulla stanza. Novità di stagione è Rosa che si affianca alle altre profumazioni, tra cui 34, Baies e Ambre.

Ovunque, le candele. Le prime candele a essere presentate nello storico negozio di Saint-Germain a Parigi sono state Aubepine, Thè e Cannelle. La collezione oggi conta 49 profumazioni differenti, a cui si aggiungono le edizioni limitate, divise in cinque differenti famiglie olfattive e tutte contrassegnate dall’ormai iconico ovale a sfondo bianco e scritte nere. Le più richieste? Feu de Bois, perfetta per l’inverno, Figuier, un tuffo nella vegetazione mediterranea, e Baies, un classico che a molti ricorda la Ville Lumière. Senza contare inoltre le combinazioni olfattive possibili quando due candele vengono accese contemporaneamente nate dalla sperimentazione dello staff dello store parigino: Figuier con Maquis per l’estate, Verveine e Gardenia per gli amanti del floreale.