Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Tendenza capelli: il taglio da uomo di Ryan Gosling in La La Land


Quattro consigli e 13 prdotti per ricreare il taglio di capelli dell’attore americano nel musical dell’anno

di Eleonora Gionchi

Decisamente il film del momento con le sue 14 nomination agli Oscar, La La Land sta conquistando tutti. E per chi ama un taglio di capelli dallo stile sobrio, e facile da portare tutti i giorni, Ryan Gosling, alias Sebastian nella pellicola, è il modello giusto da seguire. Ecco quindi tutti i consigli di Emi, Senior Barber del salone Gum Milano, per riprodurre lo stesso stile.

Il taglio. “Si tratta di un taglio molto classico, detto all’italiana, che richiama gli anni 50. La particolarità è nella sua praticità, può infatti essere portato sia pettinando i capelli all’indietro, sia con una riga laterale, a seconda del proprio stile personale", spiega l'esperto di Gum.

Come si realizza. “Con forbice e pettine: le prime servono soprattutto per rifinire i lati, che sono scalati, ma in maniera non così precisa e netta come quando si utilizza la macchinetta. Questo strumento è sconsigliato in questo caso: darebbe ai capelli uno stile poco naturale. Per quanto riguarda la parte superiore, invece, deve essere lasciata morbida e leggermente più lunga”, aggiunge l'esperto.

A chi sta bene? Il barbiere Gum risponde: “È perfetto se si è alla ricerca di un look classico, ma versatile: questo tipo di taglio, infatti, può essere formale ed elegante, se si usano cere e pomate per lo styling, oppure più casual, se non si utilizzano prodotti e si tirano i capelli leggermente indietro”.

Gli indispensabili. “I prodotti per la crerae questo look non sono poi molti:  le paste modellanti sono indispensabili, meglio se a base di acqua , così da portare idratazione al capello, perché donano un risultato più morbido, oppure le cere e le brillantine in stile anni 50 perché, pur avendo una presa solida, non induriscono i capelli, e sono ideali se si vuole creare un look dall'effetto bagnato”, conclude Emi di Gum.