Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Storia: 10 anni del profumo Terre d’Hermès


Tra i profumi maschili più venduti, Terre d’Hermès è diventato un classico per uomo

di Eleonora Gionchi

È il profumo della verticalità, di colui che ha i piedi ben piantati per terra ma la testa sempre un po’ tra le nuvole: Terre d’Hermès compie 10 anni e celebra l’occasione con un flacone-retrospettiva delle edizioni precedenti disponibile nella versione Eau de Toilette e Parfum.

Tra Terra e Cielo. Tutto è iniziato dalla parola terre, "terra" in francese, dalla sua solidità e dalla sua forza e dal forte legame che la unisce all’uomo. Sorta di metafora olfattiva, la creazione di Jean-Claude Ellena racconta del desiderio umano di sognare e di “andare oltre”, di guardare il cielo e di lasciarsi andare pur restando ancorati alla propria terra, alle proprie origini e al passato. Non solo, ma è anche metafora della forza della Terra stessa, alla sua trasformazione, a volte aspra altre più generosa. Per racchiudere tutto questo, il naso nel 2006 pensò a un “odore verticale”, com’è stato definito dal creatore stesso, che unisse note olfattive in estremo contrasto tra di loro, realizzando un paradosso quasi e un’essenza che avesse un odore, che non fosse semplicemente “clean” come imponevano i trend di quegli anni: “Mi piace incorporare tracce d’umano in un profumo, la pelle, i corpi dopo l’amore. Oggi, molte fragranze sanno di pulito come se fossero in guerra con gli odori. Al contrario, io amo gli odori” dichiarava dieci anni fa Ellena. Da qui il gioco di contrasti tra gli odori freschi e frizzanti di pompelmo e arancia e quelli opachi di silice ma anche quelli più morbidi del cedro dell’Atlante. Una combinazione che in tutte le versione, Eau de Toilette, Parfume e Terre d’Hermès Eau Très Fraîche, non è mai veramente cambiata rimanendo anticonformista e ben definita.

Il flacone, la verticalità. Fedele alla storica forma ad H, il nuovo flacone pensato da Philippe Mouquet per i 10 anni è la summa di tutte le versioni precedenti: vagamente Art Déco, il vetro è arricchito da linee grafiche che richiamano le precedenti edizioni ma anche alcuni dei simboli Hermès, come l’arancione che colora la base ad H, i chiodi delle selle della maison e le decorazioni stesse tutte poste in verticale proprio a richiamare la verticalità tipica della piramide olfattiva della fragranza.