Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Scrub: cos’è, perché e come si fa in vista dell’estate


D’estate lo scrub è l’alleato perfetto perché, oltre a detergere in profondità la pelle, la prepara all’abbronzatura. Ecco la nostra selezione per questa estate

di Eleonora Gionchi

Se durante tutto l’anno può essere utile iserirlo nella propria beauty routine per rimuovere il grigiore invernale, è però durante la bella stagione che diventa indispensabile: lo scrub non solo aiuta a pulire in profondità la pelle, ma soprattutto la prepara all’abbronzatura. Icon vi spiega come, in tre step.

Cos’è. Particolarità di questo prodotto è la sua texture prettamente granulosa, che solitamente viene massaggiata sulla pelle del corpo per rinnovarla. La consistenza infatti è composta da detergente, più o meno colorato, con o senza ingredienti profumati, e da un componente in grani che possono essere semi, gusci tritati finissimamente, oppure, sali del Mar Morto.

Perché. Vista la sua particolare formula, lo scrub è ideale per la sua azione di pulizia profonda meccanica che svolge sullo strato corneo dell’epidermide. Passato con movimenti circolari sulla pelle, la pulisce eliminando le cellule morte, così da mantenerla non solo più giovane e luminosa, ma anche più ricettiva all’abbronzatura stessa.

Come. Passato a mani nude, meglio ancora però con un guanto ruvido, così da enfatizzare l’azione, lo scrub dev’essere effettuato una volta alla settimana, non di più,  per evitare di aggredire la pelle . Se si vuole invece agire anche sul viso, è bene optare per un prodotto specifico, con dei granelli più sottile, che, questa volta senza guanto, dovrà essere massaggiato delicatamente sulla pelle per non graffiarla. Importante: dopo lo scrub è bene stendere una crema idratante per ristabilire l’idratazione epidermica ed evitare troppa secchezza.