Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Sauvage, il nuovo profumo da uomo di Dior


Il creatore di profumi François Demachy racconta in un video il nuovo Sauvage di Dior

di Eleonora Gionchi

Una scia, selvaggia. François Demachy racconta l’ispirazione dietro a un suo profumo e lo fa attraverso un video, immagini che raccontano il viaggio - da Los Angeles al Selvaggio West - che ha ispirato l’ultima fragranza maschile di Dior, Sauvage, incarnata da Johnny Depp.

Leggi anche un approfondimento sul profumo Sauvage di Dior

Il video. “Non si crea un profumo in laboratorio” afferma il naso François Demachy perché l’ispirazione è ovunque e nel caso di Sauvage è un viaggio che inizia nell’energetica e caotica Los Angeles e finisce nell’assolato e silenzioso deserto californiano. In mezzo un uomo e la sua voglia di rinascita e di un ritorno alle origini seppellendo -letteralmente- il suo passato.

Il viaggio olfattivo. Raccontare olfattivamente il road-movie, com’è stato definito dalla Maison, non è stato facile per il naso François Demachy. Le note olfattive che ricordano la città, punto di partenza del viaggio, sono la lavanda per quella sensazione di pulito, l’etilmantolo che ricorda i pop-corn e i luna park estivi sulla costa e soprattutto l’essenza di bergamotto di Calabria, una nota molto amata dal naso, lavorata quasi su misura per Dior, leggermente più pepato, fumè quasi, intensificando così la sensazione di fresco. A questi si aggiungono l’ambroxan che richiama il mare e la costa californiana e il cedro della Virginia. E poi c’è il deserto: l’odore di terra arsa dal sole e l’atmosfera sospesa nel silenzio sono ricreate con il pepe e il vetiver, infine il patchouli e il labdano che arrivano alla fine, un po’ come l’aria più fresca di fine giornata.