Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Il rito: la rasatura dal barbiere


Hangover treatment è il trattamento di rasatura, da provare presso in nuovo salone Gum-Kiehl’s a Milano

di Michele Mereu

Da uomo devo ammettere che il momento della rasatura è una vera seccatura. Per chi poi ha una pelle sensibile e delicata il problema è doppio: rossori, irritazioni e pruriti al viso sono da copione nei giorni successivi al duello con il rasoio.
Ho scoperto però di recente come questa “sofferenza” possa essere alleviata con il classico rito della rasatura da barbiere. L’occasione è stata l’apertura del nuovo Barber Shop Gum presso la Boutique Kiehl’s in via Dante a Milano. Qui ho provato due trattamenti: l’Hangover Treatment e il Traditional Shave, entrambi calibrati sulle esigenze della mia pelle. Eccone il racconto.

Prima l’Hangover Treatment… Trattamento creato appositamente per la collaborazione tra Kiehl’s e Gum. Sequenza di gesti, come dice il nome stesso, pensata per recupere un aspetto riposato dopo una serata di bagordi (e a chi non capita, ogni tanto?). Si inizia con una rilassante pulizia della pelle del viso fatta con la spazzola elettronica Clarisonic, si prosegue con un lungo massaggio con una crema scrub, per preparare la pelle, e ammorbidire la barba prima della rasatura. L’applicazione di alcuni panni caldi è d’obbligo, cosi come il massaggio finale con la crema idratante o la crema pre-shave. Questo trattamento infatti può essere effettuato singolarmente o utilizzato per preparare la pelle alla successiva rasatura.

…poi il Traditional Shave. Si parte con l’applicazione sul volto di una serie di panni caldi. Dopo seguono quaranta minuti di relax, in cui la crema da barba viene applicata sul viso col pennello (solo questo vale tutto il trattamento) proprio come facevano i nostri nonni, e il rasoio scivola delicatamente sulla pelle, tagliando la barba nel suo senso di crescita- “Sulle pelli sensibili è meglio evitare la rasatura contropelo, per non irritare la pelle”, dice Emiliano, il giovane ma esperto barbiere di Gum.

Il finale? Letteralmente da brivido: viene steso sul viso l’ultimo panno, ghiacciato questa volta, utile per lenire e chiudere i pori della pelle. Inizialmente il balzo sulla sedia è assicurato, ma pochi secondi dopo se ne apprezzano i benefici. In conclusione l’ultimo massaggio con il dopo barba lenitivo.

A distanza di pochi giorni, nessun fastidio o irritazione sul viso.

Insomma, un’esperienza unica che crea dipendenza. Ho già prenotato la prossima rasatura!