Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Profumi invernali: 7 fragranze da uomo che si ispirano ai boschi


Quercia affumicata, sandalo, muschio e ambra grigia: note fredde e legnose si alternano nelle fragranze che diventano come passeggiate olfattive nei boschi

di Eleonora Gionchi

I boschi innevati, le passeggiate rinvigorenti all’aria aperta e ai profumi della natura, tra abeti, pini e legni affumicati. D'inverno, per rilassare la mente ed evadere dallo stress di tutti i giorni, si cerca quest'atmosfera ovattata, calma e avvolgente. Ed è proprio a questo che si ispirano i profumi maschili invernali, qui ne abbiamo selezionati 7.

1. English Oak & Redcurrant, Jo Malone
Evoca: la foresta nella sua più magica ispirazione, quella immensa e oscura, popolata da creature magiche e fantastiche.
Le note: omaggio alla quercia inglese, la fragranza ruota attorno a questo possente albero. Ingrediente insolito, Jo Malone ha usato la variante affumicata, elisir ottenuto dall’affumicazione ad alte temperature dei trucioli di quercia bagnati, così da creare la sensazione di profondità della foresta stessa e donare corposità al profumo.
Per chi per quando: anche durante la settimana, volendo unita all’altro profumo della collezione, English Oak & Hazelnut, con nocciola e legno di cedro.

2. Arabian Horse, Parfumerie Generale
Evoca: una passeggiata a cavallo nella campagna inglese. La sconfinata brughiera, una corsa su un purosangue, il profumo del cuoio della sella, dell’erba bagnata e del terreno umido, dei fiori di campo.
Le note: tutte verdi, richiamano tutte le sfumature del paesaggio. All’interno il narciso, l’assoluta di labdano e un ingrediente unico, il PG3.1, cioè un composto formato dalle differenti basi di altre creazioni del marchio, studiate così che possano emergere lentamente sulla pelle, cuoiate e animali, altamente sensuali.
Per chi per quando: per un week-end in campagna.

3. Glacialis Terra, L'Artisan Parfumeur
Evoca: la mattina in un bosco, quando i fiori e le foglie sono ancora gelate, così come i primi germogli. La luce è azzurra, in lontananza sta sorgendo il sole.
Le note: il naso Daphne Bugey ha ricreato questa sensazione di terra fredda intrecciando le radici di vetiver con un liquore a base di assenzio.
Per chi per quando: sul finire dell’inverno, verso la primavera, da indossare ogni giorno.

4. Forest, Knize
Evoca: l'allegria fredda e vitale della foresta che riprende vita. Siamo nel momento del risveglio, tra l’inverno e la primavera.
Le note: Sul fondo il muschio di quercia che dona intensità accompagnato dal legno di cedro e dal garofano, mentre in superficie le note verdi richiamano la bellezza degli alberi e i primi fiori che spuntano. Poi agrumi, salvia, menta e rosmarino per raccontare il brio della nuova stagione in arrivo.
Per chi per quando: per quelli che sognano già la primavera, da indossare magari al mattino per una carica di energia.

5. Green Irish Tweed, Creed
Evoca: la verde Irlanda. Le lande sterminate, i campi e le brughiere con l’erica, la malva e il vento sferzante.
Le note: tante per raccontare tre sensazioni: colori, paesaggi e tessuti. Il profumo è un’alternanza di note fredde e calde che creano contrasto proprio come quando si è all’aperto, al freddo, e si indossano indumenti caldi e avvolgenti. Erbe verdi, erica, note agrumate e di menta, iris fiorentino e foglie di violetta. Sul fondo muschi, legno di sandalo e ambra grigia che ricorda il mare d’inverno e la nebbia.
Per chi per quando: versatile e molto virile, ma può essere indossato in ogni occasione.

6.Bois d’Hiver, Ex Nihilo
Evoca: una passeggiata urbana, con il ricordo del verde.
Le note: particolarità di questa fragranza è nell'esperimento del naso di portare una fragranza verde e “boschiva” in un contesto urbano. È nata quindi un’interpretazione che unisce alle note classiche del genere, come il muschio e i legni di sandalo, ingredienti più “cittadini” come il pepe rosa, il ciclamino e il cardamomo. Ricca di contrasti, la piramide è molto dinamica.
Per chi per quando: per le fredde giornate di città, tra appuntamenti e ufficio.

7. De Bachmakov, The Different Company
Evoca: la Russia, 1587.
Le note: dietro a questa fragranza la storia di Thierry de Baschmakoff, celebre designer internazionale di flaconi di profumi (sono sue le creazioni di La Vie est Belle di Lancôme o di Eau Thè Vert di Bulgar), scelto per creare questa composizione assieme al marchio The Different Company. L’ispirazione nasce dall’origine della famiglia del designer, la Russia alla fine del ‘500. Per questo un profumo che richiamasse il freddo della Siberia, della tundra, della taiga e delle foreste. Foglie di shiso e fondo speziato con coriandolo e noce moscata creano il contrasto e la freschezza dell’ambiente.
Per chi per quando: per gli amanti del vero freddo, da indossare tutti i giorni.