Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Profumi: come creare la giusta atmosfera in casa


L’essenza perfetta per ogni stanza in quattro consigli

di Eleonora Gionchi

Il profumo della casa è come la musica solo che la si ascolta col naso, per questo noi possiamo scegliere il volume e la melodia che vogliamo

Così dice Céline Ellena, figlia del famoso Jean-Claude (naso di Hermès), creatrice de Le Parfume de la Maison proprio per il marchio francese. A lei abbiamo chiesto come creare la giusta emozione e atmosfera in ogni stanza della casa.

1. Esaltare l’atmosfera
«Un profumo per la casa», spiega il naso, «non deve coprire gli odori già esistenti bensì esaltarli e adattarsi all’atmosfera stessa. Per questo la scelta di questo tipo di fragranza è forse più personale rispetto a quella del proprio profumo. La casa è un luogo intimo, privato, con sogni e ricordi dove non entrano tutti».

2. Una fragranza intima
Benchè il processo di creazione di una fragranza personale e di una per la casa sia il medesimo, è quello creativo che cambia:

E' come entrare in punta di piedi a casa di ognuno. La profumazione stessa deve dialogare con la materia che la contiene, ceramica, carta, cera e deve disperdersi nell’ambiente in maniera delicata, come una carezza.

3. Passeggiate olfattive
Temps de pluie, Des pas sur la neige sono due delle cinque fragranze, definite da Céline Ellena come dei rêveries, delle fantasticherie, delle suggestioni. Queste fragranze non ricordano quindi il vero odore della pioggia o quello della neve ma più che altro l’atmosfera che creano: un pomeriggio trascorso in casa davanti alla tv mentre fuori piove con la pioggia che batte sui tetti oppure l’aria frizzante e pulita e la neve croccante sotto i piedi, l’atmosfera ovattata dopo la prima nevicata. Sono soprattutto delle sensazioni trasposte in note.

4. Ogni stanza un profumo?
Secondo Céline Ellena assolutamente sì: è possibile mescolare e caratterizzare la casa con fragranze differenti, l’importante è che rispecchino la propria creatività e il proprio umore. 

À cheval è adatto per la cucina, perché si armonizza bene con l’odore di caffè e di sigarette mentre per lo studio penso a un’essenza più frizzante, rock’n’roll quasi, che dia una scarica di energia