Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Olio: come scegliere quello giusto per curare la pelle dell’uomo


Secco, voluttuoso, profumato, idratante, detergente: ecco 9 prodotti ideali per detergere, idratare e profumare

di Michele Mereu

Secco, voluttuoso, profumato, idratante, detergente. Questi son solo alcuni degli aggettivi per descrivere l’olio, una texture irrinunciabile per l’uomo, che vuole prendersi cura della propria pelle. Ecco alcuni suggerimenti per utilizzarlo al meglio.

Detergere. I grassi vegetali contenuti negli oli, sono molto affini al sebo della nostra pelle, ecco perché quando la pelle è secca o particolarmente sensibile è utile scegliere un detergente oleoso, in grado di riscostruirne il suo film idrolipidico naturale. Da sfatare poi il mito che l’olio non sia adatto per pulire le pelli più oleose, il grasso infatti è in grado di eliminare il sebo in eccesso, normalizzando la pelle. Gli oli di ultima generazione poi, a contatto con l’acqua, si trasformano in latte, detergendo e idratando la pelle allo stesso tempo.

Idratare. L’olio è perfetto per idratare sia la pelle del viso che quella del corpo, l’importante è scegliere una formula naturale con olio di argan, olio di cocco, evitando quelli derivati dalla paraffina, che ostruiscono i pori, impedendo alla pelle di respirare. Per il viso bastano cinque gocce di olio da stendere direttamente, o da mixare con la propria crema idratante. Per il corpo esistono nuove formule “dry-touch”, si asciugano rapidamente, senza lasciare residui, oppure altre più classiche da stendere subito dopo la doccia, con la pelle ancora umida, per facilitarne l’assorbimento.

Profumare. Oggi il rituale di profumazione attraverso l’olio, già in uso ai tempi degli Egizi, è stato riscoperto dalle case cosmetiche, che propongono profumi sotto forma di olio, con packagin conta gocce o roll-on. I plus? Queste formule non contengono alcol, che rischia di disidratare e sensibilizzare la pelle, e allo stesso tempo la mantengono morbida. Bastano poche gocce da applicare su petto, all’interno del gomito o nell’incavo del collo, per un effetto a lunga durata.