Questo sito contribuisce alla audience di panorama

L:A Bruket: storia del marchio naturale


Intervista a Monica Kylen, fondatrice del brand di cosmetici eco-bio svedese

di Michele Mereu

Le atmosfere son quelle di Fårö, isola-rifugio del regista svedese Ingmar Bergman, le stesse descritte nel suo film Persona, dove due donne vivono in un cottage in riva al mare. Una storia il cui dna, ça va sans dire, combacia perfettamente con quello del marchio di cosmetici svedese L:A Bruket. Prodotti semplici, biologici, e proprio per questo innovativi.
Una filosofia espressa al meglio dal nome stesso: "L:A" è l'abbreviazione per la parola svedese "lilla", che significa piccola, mentre "Bruket" indica un’officina, o una fabbrica. Il nome può essere tradotto in "piccola fabbrica”. Noi di Icon abbiamo incontrato Monica Kylen, fondatrice del brand, per approfondire e capire meglio la storia e la filosofia di questa nuova cosmesi made in Sweden.

Come è iniziato tutto?
Lavoravo come artista-ceramista ed esponevo le mie collezioni alla fiera di design di Stoccolma, quando creando dei portasaponi per la mia collezione, mi resi conto che avevo bisogno di saponi per trasmettere il messaggio. Così iniziai a studiare i 200 anni di tradizione delle spa della mia cittadina costiera, Verberg, e scoprii vecchi trattamenti e formule cosmetiche, che avrei potuto sfruttare per creare questi saponi. Dopo è arrivato il resto.

La Svezia è la vostra patria: in che modo ispira il vostro lavoro?
Penso che lo stile di vita e le tradizioni svedesi siano molto importanti per la mia creatività, più di quanto io riesca a rendermi conto. La natura, le dure condizioni della nostra costa, le fitte foreste, sono tutti elementi molto importanti per la mia ispirazione. L:A Bruket è molto più che fare solo buoni prodotti per la cura della pelle, è un lifestyle che riguarda anche l'acqua che si beve, la qualità del sonno, il tempo trascorso a contatto con la natura e con gli amici, il cibo che si mangia. La speranza con la nostra linea di cosmetici sarebbe quella di rendere i 15 minuti, che mediamente si utilizzano per la cura del proprio corpo, abbastanza intensi e utili per combattere lo stress quotidiano della vita nella giungla urbana.

Cosa avete di diverso rispetto agli altri cosmetici in commercio?
Siamo genuini e semplici nel nostro approccio, siamo veri, raccogliamo personalmente le alghe che utilizziamo nei prodotti. La nostra ambizione bio è molto alta rispetto alla maggior parte dei competitors e non accettiamo compromessi. Se non riesco ad essere soddisfatta e sicura al 100% di un prodotto della nostra gamma, non dormo la notte.

Da dove provengono gli ingredienti che utilizzate?
Principalmente dal nostro territorio. Utilizziamo ad esempio l'acqua del Kattegat, che facciamo evaporare, per ottenere il sale che adoperiamo per i nostri sali da bagno. Anche gli ingredienti come semi di colza, erbe, fiori selvatici provengono dal nostro territorio. Ma non ci fermiamo qui. Altri invece arrivano un po’ dal tutto il mondo, dipende dalle necessità che abbiamo a secondo del prodotto che dobbiamo creare.

La Svezia è di sicuro uno tra i paesi più "beauty friendly" al mondo. Perché?
Penso che sia una conseguenza del nostro stile di molto “green”. Siamo costantemente circondati da bellezza, di tutti i tipi, e siamo abituati ad un’estetica che ci fa apprezzare i prodotti semplici e puliti.

Qual è il segreto del vostro successo?
La produzione limitata che consente di avere un’alta qualità. In più le persone che hanno provato i nostri prodotti stanno facendo il passa parola tra di loro – un grande aiuto per noi che non abbiamo mai pubblicizzato i nostri cosmetici.

Ci racconta qual è il prodotto che rappresenta al meglio la folosofia L:A Bruket, e ci spiega come utilizzarlo?
Il bagno detox alle alghe ha una grande storia e rappresenta al meglio la nostra filosofia. Le alghe sono raccolte dal nostro amico Bo a pochi chilometri fuori dalla costa, e poi vengono sciacquate, essiccate e consegnate a noi in grandi sacchi di carta. Queste sono perfette per un bagno rilassante.

Il consiglio in più: come utilizzarle. Lasciatele in ammollo in un contenitore con acqua calda e sale marino per 20 minuti. Poi versatele nella vasca da bagno e riempite con acqua calda e sale. Scivolate nella vasca e rimanete lì per 20 minuti, massaggiando il corpo lentamente con le alghe. Fate asciugare l’acqua salata sulla pelle e non fate la doccia per almeno 30 minuti. Dopo la prima doccia la pelle sarà morbidissima. Inoltre, le alghe usate possono essere "recilate" nel girdino come fertilizzante.