Questo sito contribuisce alla audience di panorama

I dialoghi della barba


Il primo Festival italiano per raccontare la barba, oltre la tendenza

di Michele Mereu

Sulla barba è stato detto di tutto, o quasi. Si è parlato di come tenerla in ordine, di quale stile scegliere in base al proprio viso, e quali look siano più di tendenza, tra le star internazionali. In realtà un vero e proprio fenomeno culturale, ormai andato ben oltre la moda – al quale, per la prima volta in Italia, viene dedicato un Festival.
L’idea è venuta a Giovanna Zucconi, proprietaria dell’azienda Serra&Fonseca, creatrice di Be A Beard, una nuova linea grooming appositamente studiata per curare la barba.

Dialoghi della barba. Questo il titolo della manifestazione, nata in collaborazione con il magazine DLui, che si svolgerà a Milano il prossimo 2 Aprile.“ Abbiamo identificato un luogo: l’Istituto Europeo di Design, e abbiamo coinvolto gli studenti per una raccolta di scatti fotografici a tema”, dice Zucconi. Ma non solo, sono state radunati anche personaggi, competenze e racconti. L’hairstylist Franco Curletto darà vita a uno vero è proprio “Show Grooming”, tagliando barbe dal vivo, e spiegando teoria e pratica della definizione in 3D del volto. Saranno presenti inoltre i giovani musicisti, Giuseppe Lopizzo e Simone Bortolami, il fotografo di moda Giovanni Gastel, lo storico d’arte Fulvio Caroli, il giornalista di moda Simone Marchetti e l’antropologo Marino Niola, per dare vita ad un vero è proprio talk di approfondimento.

In più. Per l’occasione Serra&Fonseca presenterà la sua nuova linea di prodotti per barba, Be a Beard: olio, shampoo, balsami, e soprattutto il profumo solido, prodotto must del brand. “Abbiamo messo a punto, con un giovane naso, una nuova fragranza che evoca boschi e freschezze mediteranee: bergamotto, limone, lavanda, rosmarino, salvia, e poi cedro, licheni, pino e ginepro su un fondo di muschio di quercia. Tutto è al 100% made in Italy”, conclude, orgogliosamente, Giovanna Zucconi.

I dialoghi della barba

Via Bezzecca 5 – Milano

Sabato 2 aprile dalle 15.30

Ingresso libero