Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Come curare un tatuaggio appena fatto: 5 consigli


Dal lavaggio al balsamo lenitivo, dall’idratazione alla protezione solare: ecco come curare la pelle tatuata

di Michele Mereu

Da un recente sondaggio dell’Istituto Superiore della Sanità è risultato che in Italia sono circa 7 milioni le persone tatuate. Così, se rientrerete tra quelle persone destinate a far crescere questo numero, o magari avete appena fatto un tatuaggio sulla vostra pelle,  Icon vi da 5 consigli per curarlo al meglio.

1) Freschi di tatoo. Se il tatuaggio è appena stato fatto, ricordate di non rimuovere la pellicola protettiva per almeno due ore dall’uscita dello studio del vostro tatuatore. Una volta a casa, poi, lavate accuratamente le mani e rimuovete la pellicola. Dopo, lavate la zona interessata con acqua fresca e con un detergente per pelli arrossate.

2) La pelle deve respirare. Asciugate tamponando con delicatezza la zona tatuata. Prima di andare a dormire, rimettete la pellicola sul tatuaggio, senza applicare nessun tipo di crema. Per i primi due giorni, alternate l’utilizzo della pellicola a momenti di libertà per la pelle, così che possa respirare.

3) Balsamo lenitivo.Dopo due giorni non applicate più la pellicola trasparente. Lavate una volta al giorno il tatuaggio, con un detergente delicato, e applicate tre o quattro volta al giorno un balsamo lenitivo, meglio se studiato appositamente per i tatuaggi.

4) Idratazione. La pelle del tatuaggio non deve mai essere secca, per questo idratate costantemente il corpo con gel e fluidi idratanti a base di acido ialuronico. Un altro consiglio è quello di evitare di grattare la zona interessata, bagni in piscina e sedute in sauna, almeno nel primo periodo.

5) Al mare. Se il tatuaggio è appena stato fatto, cercate di non esporvi al sole per almeno dieci giorni . Se è più vecchio, invece, esponetevi avendo l'accortezza di splamare una crema  idratante e lenitiva con un fattore di protezione spf 50.