Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Capelli: i look uomo perfetti per l’autunno


Cinque stili facili da copiare dalle passerelle dell’autunno-inverno 2017

di Eleonora Gionchi

La parola d’ordine per i capelli, questo autunno, sembra essere semplicità: le tendenze infatti si adattano perfettamente a tutti gli stili di vita con look più naturali e meno costruiti. Dalle passerelle dell’autunno-inverno 2017, noi di Icon abbiamo scelto cinque stili facili da copiare e adatti a questa stagione.

Frangia. I vantaggi? Un look che non passa inosservato. Gli svantaggi? Non è facile da gestire nella propria hair-routine. Ha però dalla sua il fatto di essere versatile, inoltre è un’ottima soluzione per camuffare le fronti importanti. Vista in versione anni Settanta, da Gucci, o in quella più sportiva, da Fendi, può essere portata coi capelli più o meno lunghi.

Ricci ribelli. È sicuramente il loro momento. Non sempre facili da gestire, sia per volume che per struttura, i capelli ricci quest’inverno tornano di moda, con la possibilità di lasciarli incolti e selvaggi (con moderazione) per creare un look ribelle, come visto sulla passerella di Bottega Veneta.

Riga in mezzo o da una parte? Ermenegildo Zegna la propone da una parte, in stile gentlemen, mentre Gucci la propone in mezzo, per uno stile più giovane. Attenzione però perché le righe sono insidiose, e devono essere scelte in base alla forma del viso. Tendenzialmente è meglio optare per quella da una parte quando si ha un volto tondeggiante e si ha bisogno di allungarlo. La riga in mezzo è adatta invece per i visi più esili.

Capelli lunghi. I capelli lunghi si sono visti anche nelle sfilate di Gucci e Roberto Cavalli. Capelli sciolti dalla lunghezza media sono i più pratici e facile da gestire in tutte le situazioni, mentre code e top knot sono perfetti per chi fa sport.

Look naturale. Qualsiasi sia il taglio, qualsiasi sia la lunghezza, l'ultima tendenza in fatto di styling prevede un look naturale: bando quindi a gel, pomate e spume. Viva la comodità, verrebbe da dire. Un approccio che finora avevamo visto solo sulle passerelle estive, sdoganato ora anche per la stagione invernale. Un bel vantaggio per chi indossa casco e cappelli.