Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Capelli e barba, i migliori look alla Mostra del Cinema di Venezia


Barbe incolte, baffi anni Settanta ed eleganza d’altri tempi: i quattro migliori stili maschili dal red carpet di Venezia

di Eleonora Gionchi

Conclusa l’annuale Mostra del Cinema di Venezia, assegnati i Leoni d’Oro ad attori e registi, non resta che tirare le somme. E noi lo facciamo in campo beauty. Sul tappetto rosso hanno sfilato look naturalmente affascinanti tra cui ne abbiamo selezionati 4, i nostri personali best-seller.

Jake Gyllenhaal. Sorriso appena accennato e sguardo vagamente malinconico, il protagonista di Noctural Animals ha un taglio di capelli classico, corto ai lati con riga centrale e ciuffo laterale. Ma è la barba a rendere affascinante l’attore con una lunghezza di qualche giorno, così come per i baffi. Un fascino più quotidiano e urbano che ci ha convinto.

James Franco. In Laguna per presentare In Dubious Battle, James Franco ha sfoggiato un look diverso dagli altri: il baffo anni Settanta su un viso perfettamente sbarbato, così da metterlo ancora più risalto. Stessa vaga ispirazione anche per la chioma, riga laterale e ciuffo leggermente voluminoso e impomatato tirato indietro. Non da tutti, per questo ci piace.

Tom Ford. Il regista-stilista non perde un colpo e a ogni sfilata o red carpet è sempre impeccabile e perfetto: fascino d’altri tempi, per la presentazione del suo Noctural Animals, di cui è regista e per cui è stato premiato, Ford ha optato per una chioma di pari lunghezza sia in cima che lateralmente scegliendo una pomata dalla consistenza naturale per lo styling. Una nota di merito per la barba: non un pelo fuori posto!

Michael Fassbender. Scelta vagamente “stropicciata” per l’attore, taglio corto e molto naturale, tanto che sorge il dubbio non abbia usato nessun prodotto styling, adatto anche per chi ha i capelli mossi-ricci. Anche per lui vale la barba di qualche giorno, un po’ più lunga di Gyllenhaal, ma più vissuta e in disordine rispetto a quella di Tom Ford.