Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Un attore e Campomarzio70: la loro collaborazione


Un incontro a Roma dà origine a quadri ispirati a profumi

di Monica Agostini

Ha una vita poliedrica, Jordi Mollà. Spagnolo di Barcellona, è conosciuto ai più per il suo lavoro da attore (in Prosciutto Prosciutto di Bigas Luna, poi al fianco di Cate Blanchett in Elizabeth The Golden Age – ha appena finito di girare Heart of The Sea, diretto da Ron Howard).

Ma la pittura è la sua passione – e sta diventando un quasi-lavoro, visto che ha esposto da Sotheby’s e in varie gallerie di Madrid. Il suo tratto è materico, con una sovrapposizione tra ampie pennellate e volti noti – la Gioconda di Leonardo o Twiggy, la modella icona degli anni Sessanta. L’ultima invenzione? Dipingere partendo da un profumo. «È bastato chiudere gli occhi, dopo aver annusato una fragranza, per sentire istantaneamente come le immagini nascessero nella mia anima», spiega.

Così è iniziata la collaborazione con Campomarzio70, brand italiano che distribuisce una selezione ragionata di “profumi artistici” – i piccoli e indipendenti, che seguono criteri autonomi, poetici a volte, lontani dai macro trend di mercato. Risultato: Inspiring Paintings – Perfumes on Canvas, 14 opere dai colori accesi e dal tratto vigoroso. Mito, ad esempio, si ispira all’omonima fragranza di Vero.Profumo: un mix di fiori bianchi e note acquatiche, che rimandano a un banchetto a Villa D’Este a Tivoli, a un personaggio androgino, tra maschile e femminile. La resa pittorica? Il volto di Pier Paolo Pasolini, coperto in parte da scritte e circondato da pittura verde, densa e boschiva. Oppure Good Girl Gone Bad, che traspone un’essenza di By Kilian (a base di fiori carnali come gelsomino e tuberosa) – un volto femminile che emerge dalla nebbia, occhi che catturano l’attenzione, un grande cuore rosso a rappresentare passione e sensualità.